Locri (Rc): la città piange per la morte di Carlo Ernesto Panetta

La notte scorsa è venuto a mancare all’affetto dei suoi cari Carlo Ernesto Panetta, storica voce delle prime radio libere locali, grande tifoso del Locri, presentatore televisivo ed apprezzato autore di poesie dialettali.  Da tempo era sofferente per una malattia che lo aveva provato nel fisico ma non nella mente tanto che lo stesso si faceva sempre apprezzare per la sua simpatia e la sua innata verve ironica sui social network. Alla famiglia del caro amico Carlo Ernesto Panetta vanno le mie più sentite condoglianze.

Antonio Tassone

Vi proponiamo qui, una sua poesia, che si classificò al terzo posto alla VII^ Edizione del Premio Letterario “Giomo Trichilo” nel 2010:

NON VOLU CCHJÙ

Nci su’ mumenti ‘nta ‘sta vita mia
chi eu non saparrìa comu m’’i spiegu;
mumenti  chjni i tanta nostargia
e, forsi, assai cchjù brutti …non m’’a negu.

Mi vaji ‘u sentimentu troppu arretu,
a cosi tantu belli d’’u passatu
ed a mia stessu dicu e mi ripetu:
com’è chi ‘u tempu fu ‘goista e ‘ngratu?

Quand’era giuvanellu mi ‘nsonnava,
ammenz’a rùmbula e cosi di cotrari,
-addirittura- puru ca volava
…ed era tantu facili da fari.

A ll’intrasattu, mò mi risbigghjai
e ‘u tempu viju ca passau veloci;
mò, si mi ‘nsonnu, non succedi mai
ca volu comu tandu, …e assai mi coci.

Mi coci comu vrasa troppu ardenti
pecchì restau ‘nta ll’ali i gioventù
‘a vogghja u su’ a ‘stu mundu cchjù presenti
e u spruttu, si ndavìa, ccocchj virtù.

E pensu, pensu, pens’ a quanti cosi
potìa ndaviri fatt’ e, poi, non fici;
mò chi n’’e fazzu cchjù “sunnu famosi”
chilli mumenti e tutti i sacrifici !

CarloErnestoPanetta




Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.