IN MORTE DI FRANCESCO FORTUGNO

di Franco Blefari

Il 16 ottobre del 2005 veniva barbaramente ucciso Francesco Fortugno, vicepresidente del Consiglio regionale calabrese. Ma a 12 anni dal suo assassinio, l’illegalità continua a regnare sovrana in Calabria e gli omicidi impuniti sono rimasti sempre tali.

CU’ E’ CH’‘I PAGA?

( In morte di Francesco Fortugno )

Cu’ è ch’’i paga st’omini mmazzati
d’’a maffia senza ma’ ‘i si sapi cui?
N’’e paga nugliu, simu bituati,
ma tutt’i jorna li pagamu nui.

‘I pagamu cu fam’e isolamentu,
ca nugliu ven’e nugliu cchjù ndi vidi;
‘i pagamu cu lutti ogni mumentu:
“ A stavot’‘e pigghjamu!”, ma cu’ cridi?

Cu’ cridi si lu Statu esti ‘mpotenti?
sinnò non’avvarrìa tanti micidi;
a ccu’ rricchja, si nugliu ma’ la senti,
a ccu’ pigghja, si nugliu ma’ la vidi?

‘A maffia è ‘nu parenti, ‘nu vicinu,
chi non av’‘u coraggiu ‘i nesci fora:
pot’essiri ‘n’amicu o ‘nu cuginu,
unu chi la cumbatti c’’a palora.

Ma ‘u Statu, ‘u Statu est’ ‘u debituri,
verz’ ‘a giustizia e verz’‘a societati,
chi non canusci ‘u nom’ ‘i ll’auturi,
e quand’‘u sapi, ‘i caccia in libertati.

‘U Statu e glià politic’assassina,
chi faci sempi l’omu ‘i ddu’ culuri;
cu’ si mangi’ ‘a canigghja e cu’ ‘a farina,
ndavi sempi ddu’ pis’e ddu’ misuri.

Ogni vota chi canta lu ddubbotti,
si recita lu stessu copioni:
i strati sunnu chjn’ ‘i poliziotti,
chi spettanu mi passa l’emozioni

‘Nc’esti ‘a marcia d’’a paci e d’’a spiranza,
ven’ ‘a tivvù du’ Nordi e chiglia nostra:
i soliti discurz’ ‘i circostanza,
ognunu voli mi si ment’ in mostra.

Passat’‘u santu, apoi, passa la festa,
cu’ si ricord’‘e ll’urtimu mortoriu?
No ‘nc’è nugli’‘i difend’‘a genti onesta,
m’ ’a maffia, chi cumand’‘o territoriu.

‘A ndranghita non è sulu cu’ t’ammazza
e chi portau ‘a Calabria all’agonia;
‘a vera ndranghita e di la peju rrazza,
è ‘nta ll’uffici, è ‘a “burocrazia”.

Du’ cchjù picciulu ufficiu fina ‘n cima,
‘nc’est’‘a classi politica chi vizia
‘a gent’‘i resta sempi com’a prima,
ma sul’i morti, ccà, vonnu giustizia.

Aund’‘a Leggi ndavarrìa ‘i si pisa,
esti chjn’‘e mangiun’‘i professioni:
cu’ si ccatta i palazzi e cu’ la spisa
c’’a mazzett’‘e ll’appalt’e ‘i ll’assunzioni.

Pa non parlar’‘i medici e bbocati,
chi cu ll’aiutu di li galevoti,
sciùrtunu senator’e deputati,
pigghjanu vintimil’ e rrutti voti.

‘Ndavi trenta micìdi “non puniti”,
però nugliu è chjamat’‘i pagh’‘e cunti:
i maffius’enn’omini “puliti”,
e l’assassini sȗ sempi “presunti”.

Trenta micìdi! e l’unicu pigghjatu
ammata lu cacciàru ‘n libertà,
pa scadenza d’’i termini, c’’o Statu
esti lu specchju di sta società.

Ma nugliu parla cuntr‘a sti fitenti,
ccà ogni ‘n jornu ‘nc’esti ‘nu dilittu;
cant’‘a lupara e nugliu faci nenti,
e ‘nta Calabria è sempi scuru fittu.

M’’a Leggi, ‘a Leggi…comu trova paci,
cu tutti st’assassini in libertati?
Ma ‘n’esam’‘i cuscienza si lu faci:
cu’ è ch‘‘i paga sti morti mmazzati?

20/10/2005

L'immagine può contenere: 1 persona, vestito elegante




Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.