IN MIGLIAIA IL 10 E 11 MAGGIO A SANTA DOMENICA DI PLACANICA E L’ANAS APRE LA GALLERIA PER CONSENTIRE UN OTTIMO AFFLUSSO E DEFLUSSO DI MEZZI

614

Grandi celebrazioni, il 10 e 11 maggio, presso il Santuario Nostra Signora dello Scoglio, a Santa Domenica di Placanica, in occasione del 48° anniversario della prima apparizione della Madonna a Fratel Cosimo Fragomeni. Era, infatti, l’11 maggio del 1968 quando la Madre di Dio, apparve, su uno Scoglio, al diciottenne, che viveva una vita di intensa preghiera e frequenza dei sacramenti, in piena comunione con il proprio parroco, il compianto don Rocco Gregoraci. “La Vergine Santissima si presentò a Fratel Cosimo per quattro giorni consecutivi” – ha spiegato il coordinatore della Comunità Madonna dello Scoglio, Giuseppe Cavallo – “dandogli dei messaggi importanti per la conversione degli uomini e la riconciliazione con DIO. La Madonna disse pure ciò che, effettivamente, è già avvenuto ossia che Fratel Cosimo sarebbe divenuto uno “Strumento dell’Amore del Signore, per la salvezza delle anime”. L’opera fondata dal mistico calabrese, l’unico, tutt’ora in vita, dopo la dipartita della compianta Natuzza, è nota in tutto il mondo e, per questo, è previsto un afflusso di migliaia di pellegrini provenienti da tutta Italia e dall’estero L’intenso programma liturgico e celebrativo, che verrà presieduto dal Vescovo della Diocesi di Locri – Gerace, monsignor Francesco Oliva, prevede: il 10 maggio, dalle ore 18.00, la suggestiva fiaccolata, con la preghiera del Santo Rosario, la solenne concelebrazione eucaristica e l’adorazione notturna del Santissimo Sacramento. L’11 maggio, invece, si susseguiranno varie funzioni sacre, fin dalle prime ore del mattino che culmineranno, dalle ore 15.00, con l’evangelizzazione di Fratel Cosimo, la solenne concelebrazione eucaristica, la processione con il Santissimo Sacramento, la preghiera di intercessione di Fratel Cosimo, per tutti gli ammalati e i sofferenti e la benedizione eucaristica.  “Fratel Cosimo è un uomo semplice e Dio si serve proprio delle persone semplici per le Sue grandi opere!” Così si è espresso  monsignor Oliva, che ha proseguito dicendo: “Fratel Cosimo è anche l’uomo dell’ascolto, tant’è che con pazienza incontra, a colloquio privato, singolarmente, cento persone il mercoledì e cento il sabato, di ogni settimana, mese ed anno, per un totale di diecimila persone all’anno. Ad ognuna di queste persone da una parola di conforto, di indirizzo spirituale, di esortazione alla riconciliazione, attraverso la conversione. L’Opera Madonna dello Scoglio ha proprio questa vocazione speciale, di essere un luogo di ascolto del Signore. Da 48 anni” – ha aggiunto padre Raffaele Vaccaro, rettore del santuario diocesano,   – “questo è un luogo speciale, un luogo di incontro perché vi è la presenza del Signore ed è un luogo di conversione.” Proprio per l’importanza dell’avvenimento e per la grande affluenza di pellegrini, che giungeranno a Santa Domenica da ogni parte d’Italia e del mondo, con bus, auto e altri mezzi di fortuna, il Vescovo, il rettore, il sindaco di Placanica, Condemi, e il coordinatore, hanno chiesto all’ANAS l’apertura della galleria della Limina, per la notte tra il 10 e l’11 maggio e per quella, tra quest’ultima data e il 12, al fine di evitare immani disagi e problemi al traffico. L’ANAS, dimostrando grande sensibilità, ha risposto positivamente. “Non possiamo che ringraziare i dirigenti e i tecnici dell’ANAS” – ha concluso il vescovo Oliva – “e anche le forze di Polizia della Questura, del Commissariato di Siderno e dei distaccamenti della Polizia Stradale, per questo atto di grande intelligenza e sensibilità, veramente rispondente alle reali esigenze della gente e a tutela e regolamentazione del traffico e dell’Ordine pubblico”.

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.