CINQUEFRONDI, CONIA PRENDE LE DISTANZE DA MATTEO SALVINI: ‘I BIMBI SONO TUTTI UGUALI’

350

In breve tempo la notizia che il Comune di Cinquefrondi, guidato da Michele Conia, si impegnava a garantire la mensa scolastica gratuita per i bambini meno abbienti aveva fatto il giro dei maggiori tg e siti online. Una novità importante, una decisione “coraggiosa, in un periodo di grande difficoltà per i Comuni”, come aveva affermato lo stesso sindaco di Cinquefrondi che aveva anche fatto sapere di aver previsto ulteriori riduzioni per famiglie con più bambini che usufruiscono del servizio mensa. “Riteniamo, aveva scritto Conia in un comunicato qualche tempo addietro, che l’uguaglianza sostanziale prevista dall’articolo 3 della Costituzione non sia solo uno slogan, ma rappresenta un principio che deve essere applicato concretamente. Sono orgoglioso e fiero che i bambini di Cinquefrondi saranno tutti uguali. Stiamo dimostrando che si può amministrare la cosa pubblico applicando i principi di redistribuzione ed uguaglianza sociale”. La notizia, dicevamo, è stata ripresa da più parti e tra queste anche dal sito “Il sud con Salvini” con il titolo: “C’è chi pensa anche ai bimbi italiani: mensa gratis per gli alunni poveri”. Un fatto che poco è piaciuto all’amministratore cinquefrondese, che lo ha giudicato “un evidente quanto osceno tentativo di strumentalizzazione, come se si potessero fare differenze tra bambini in base al colore della pelle”. Conia non è stato, dunque, a guardare ed ha subito replicato diffidando Matteo Salvini ad utilizzare le politiche del Comune di Cinquefrondi per la “loro propaganda xenofoba e razzista. Per noi i bambini sono tutti uguali e senza differenze” tuona Conia che aggiunge “il nostro è stato un principio di equità ed uguaglianza sociale e non certo di differenziazione. Speculare sui bambini è quanto di più grave e vergognoso ci possa essere”.

ALESSANDRA BEVILACQUA

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.