Sab. Gen 23rd, 2021

In Lega Pro il Cosenza vince 6-1, ma non va nei play off. Il Catanzaro batte il Melfi e si salva.

Nel giorno della festa che ha visto il Crotone giocare allo Scida da promossa in serie A, i rossoblù non sono andati oltre l’1 a 1 con il Latina. Discreta la prova dei pitagorici, forse ancora ‘distratti’ da una settimana di festeggiamenti. Juric schiera Barberis al centro della difesa al posto di Claiton, in attacco solito trio composto da Ricci, Budimir e Palladino.

Il talento scuola Roma crea la prima occasione al quarto d’ora, poi la sblocca subito dopo la mezz’ora approfittando della papera di Calderoni. In chiusura di frazione gli ospiti trovano il pareggio con Brosco, bravo a svettare su azione d’angolo. Nella ripresa ritmi più bassi, per il Latina ci prova Schiattarella, conclusione che non trova la porta di Cordaz. Crotone che non riesce a creare occasioni clamorose, Juric inserisce Stoian e Di Roberto nel tentativo di vivacizzare la manovra in fase offensiva. Ospiti che con Acosty tentano il colpaccio in extremis, destro ribattuto da Budimir.

Con il punto ottenuto oggi, il Crotone sale a quota 79 ma deve difendere il promo posto dall’attacco del Cagliari. Ieri sardi vittoriosi in trasferta contro il Bari e matematicamente in A, solo due le lunghezze di svantaggio nei confronti della formazione calabrese. Nel prossimo turno trasferta complicata per Budimir e compagni, di scena sul campo del Trapani di Cosmi. Il Cagliari ospita la Salernitana e spera nel sorpasso all’ultima curva.

In Lega Pro la speranza in casa del Cosenza è durata circa 50 minuti. Archiviata in fretta la pratica Ischia (al 40′ è arrivato il 3 a 0 di La Mantia dopo i gol di Caccetta e l0 stesso La Mantia) le orecchie si sono concentrate sul campo della Casertana, contendente per l’ultima piazza play-off. Nessuna rete nella prima frazione, ad inizio ripresa il gol di Alfageme ha spezzato le speranze dei lupi, 4-2 il risultato finale con il quale la Casertana ha superato la Paganese e centrato i play-off.   Al San Vito Marulla invece è valanga rossoblù, 6-1 il netto risultato con il quale il Cosenza si congeda dal proprio pubblico. Doppietta di Arrighini e Caccavallo le reti dei lupi nella ripresa, di Rubino il gol della bandiera per l’Ischia. Il Cosenza saluta una stagione senza dubbio positiva, che la consolida come realtà importante del girone C di Lega Pro. Non si può non parlare però di un pizzico di rimpianto e dispiacere per quel piccolo passo che avrebbe permesso di sognare la B attraverso i play-off….

Al Catanzaro basta il gol di Razzitti  per fare festa dopo la grande paura. A inizio ripresa, con il risultato al Ceravolo di 0-0 e la contemporanea vittoria del Catania, i giallorossi erano virtualmente nei play-out. Incubo evitato al minuto 66, quando la rete di Razzitti ha deciso la sfida con il Melfi e regalato la salvezza diretta alla formazione allenata da Erra.

Gara con poche emozioni e un pò di tensione che affiorava con il passare dei minuti, il gol di Razzitti ha infuocato il Ceravolo che al triplice fischio si è lasciato andare ad una sciarpata liberatoria. E’ una vittoria che vale la stagione per il Catanzaro, capace di centrare all’ultimo respiro l’obiettivo minimo. E’ salvezza diretta, adesso il presidente Cosentino e i dirigenti possono programmare con calma la prossima stagione, provando ad evitare i patemi d’animo vissuti in questo campionato.

 

 

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.