Enzo Commisso (pres. onorario Siderno): “Offesi e non tutelati da chi dirige la classe arbitrale ma costruiamo la squadra per l’Eccellenza

615

Un lungo post sul proprio profilo facebook. Così Enzo Commisso, presidente onorario del Siderno, ha inteso ringraziare la propria squadra per quanto fatto nell’attuale stagione, conclusasi con l’amaro ko nello spareggio di Vibo. Un commento ad ampio respiro, quello di Commisso, che tocca diversi aspetti, a cominciare dall’ormai noto ritiro del Marina di Gioiosa. Un ritiro definito “strano” e arrivato a dicembre quando “avevamo  recuperato 5 punti alla prima in classifica in qualche settimana.  In sette giorni ci siamo visti togliere 5 punti: tre per il ritiro del Marina e 2 a Guardavalle per un gol regolarissimo annullato (punizione diretta all’incrocio dei pali). Con tutto ciò non ci disuniamo e anzi rafforziamo la squadra con l’innesto di Carbone”.

Piano piano del girone di ritorno “stavamo recuperando sulla prima in classifica, ma qualche giornata prima dello scontro diretto, con il San Giuseppe si ripete la favola. Gol regolare al 93′ stranamente annullato per fuorigioco quando sulla battuta di un tiro d’angolo il difensore locale si trovava sulla linea di porta e a fare gol era stato un nostro terzino che arrivava dalle retrovie. Entrambi i gol sia a Guardavalle sia a Reggio erano stati inizialmente convalidati dall’arbitro che indicava il centrocampo e successivamente annullati su richiamo del guardalinee”.

Da qui seguono le lamentele per la squalifica del tecnico Laface “allontanato senza giusta causa nella finale play-off”, e per la direzione dell’arbitro Signorelli per lo spareggio con la Luzzese. “Nel campo c’erano quattro giocatori di Paola che le davano del tu. Abbiamo visto tutti il gol regolare non convalidato: l’assistente aveva indicato il centrocampo e poi ha cambiato idea, e soprattutto il fallo non fischiato all’ultimo minuto del secondo tempo supplementare dal quale è scaturito il loro gol”.

Nonostante tutto ciò “resta ferma la fiducia verso il Comitato Regionale della Calabria il quale poco c’entra con le decisioni assunte dalla terna. Organo distinto è il Comitato regionale Arbitri il quale è il responsabile diretto degli arbitri e assistenti. Come società rappresentiamo il più grosso paese della costa jonica reggina e ci sentiamo offesi e non tutelati da chi dirige la classe arbitrale. Solitamente in un anno calcistico gli errori si equilibrano ma ciò non avvenuto per noi. Tra l’altro in un’occasione in cui il nostro presidente ha affermato cose vere è stato deferito alla procura federale per tre mesi ed è stato comminata una sanzione di 500 euro (già pagata)”.

Ma qui, per dovere di cronaca, ricordiamo che sanzione fu dovuta a “frasi lesive della reputazione di organi federali”, di fatto gli stessi sui quali il presidente scrive di riporre “piena fiducia”!

Enzo Commisso ci tiene pure a sottolinare che “la Luzzese non ha rubato nulla e nulla c’entra”, dimostrandosi pertanto “una grande squadra”.

Il presidente onorario del Siderno indirizza un messaggio ai tifosi: Costruiremo la squadra per l’Eccellenza per fare bella figura e competere per i primi posti. Se non saremo ripescati faremo la Promozione con la stessa squadra preparata per la categoria superiore”. E quindi conclude con una serie di ringraziamenti “a tutti coloro che hanno dato un contributo alla causa”.

(fonte Quotidiano del Sud)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.