Il Locri apre a nuovi investitori. Azzerate le cariche societarie

361

L’obiettivo è rafforzarsi economicamente in vista dell’impegnativa Eccellenza.

Novità di rilevo, a livello dirigenziale, in casa Locri: sono state infatti azzerate, in seno al vertice, tutte le cariche. La decisione si configura come primo step di un’organica e trasparente impostazione del prossimo e ben più impegnativo torneo di Eccellenza per la stagione 2016/2017, dopo aver ormai smaltito la giustificata euforia dell’ entusiasmante esito della stagione appena conclusa, con gli amaranto nettamente vincitori del girone B della promozione.

La decisione, come peraltro ha confermato il dimissionario presidente Marando (che ha anche formalizzato la scelta in sede federale), era generalmente condivisa e peraltro già nell’aria dalla fine del campionato, ponendosi nella dichiarata ottica di agevolare l’entrata di nuove forze in seno alla dirigenza a bocce, per così dire, ferme.

La dirigenza è cioè concretamente propensa a ridiscutere integralmente l’organigramma societario in relazione ai nuovi ingressi, consentendo che la programmazione dell’Ecellenza avvenga su basi quanto più solide ed ampie possibili.

La settimana appena trascorsa, infatti, ha già registrato l’avvio di contatti concretamente finalizzati a verificare le condizioni per l’allargamento della compagine societaria, ponendosi naturalmente l’accento, soprattutto in questa prima fase, sull’esatta quantificazione delle basi finanziarie, determinate dalla definizione delle pendenze della passata stagione (ai calciatori ed al mister devono ancora essere liquidate alcune spettanze) e, a seguire, dalla previsione di un budget di massima per il futuro. Non bisogna dimenticare, infatti, solo per fare un esempio, che sarà di particolare onerosità la mobilità in trasferta, tenuto conto che, al momento, sulle quattordici squadre già certe di disputare il torneo di Eccellenza, ben sei sono della provincia di Cosenza (oltre al Castrovillari, in stand by perché ancora impegnato per il salto interregionale, ed alla Luzzese, fresca vincitrice dello spareggio regionale play-off di promozione e quindi in pole position per un eventuale ripescaggio), mentre le avversarie più “vicine”, in provincia di Reggio, sono solo Cittanovese, Gallico-Catona e Reggiomediterranea.

E di tutta evidenza, quindi, che definire il torneo molto impegnativo appare quasi eufemistico. In ogni caso si è certi che le problematiche dirigenziali saranno sistemate per il meglio e, quindi, anche l’organico, già comunque di spessore, sarà adeguatamente integrato per assicurare un ritorno in Eccellenza di tutta tranquillità.

Per l’organico, comunque non si potrà prescindere dalle scelte che andrà ad indicare il tecnico; l’orientamento generale è, naturalmente, per la conferma di Peppe Carella, che ha condotto un torneo di Promozione assolutamente all’altezza dei programmi societari, tenuto anche conto (e gli esempi non mancano) che non sempre un organico costruito per il vertice significa primato: nel caso del Locri è stato così anche perché all’indubbio livello dei calciatori si sono unite le doti del mister, soprattutto nella creazione e nel mantenimento di un gruppo granitico dall’inizio alla fine del torneo.

(fonte Gazzetta del Sud)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.