IL PD HA TRADITO PLATI’

233

 

Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, “condanna severamente – é detto in un comunicato – la decisione del Pd di ritirare all’ultimo istante la candidatura a sindaco di Anna Rita Leonardi incoronata alla ‘Leopolda’ da Matteo Renzi” e il silenzio su questa vicenda del presidente della Regione e leader calabrese del Pd, Mario Oliverio e ricorda la promessa fatta, un anno fa  dal segretario regionale del Pd, Ernesto Magorno e da diversi suoi autorevoli colleghi di partito come Enza Bruno Bossio, Doris Lo Moro, Alfredo D’Attorre, Rosy Bindi, Walter Verini, Demetrio Battaglia, Stefania Covello, Nico Stumpo, che avevano annunciato la loro candidatura nel piccolo centro della Locride”.  Corbelli in quella occasione “aveva apprezzato l’iniziativa del Pd, per la democrazia e la legalità, e aveva pubblicamente invitato Magorno e i parlamentari che avevano dato la loro disponibilità a onorare l’impegno assunto pubblicamente e a candidarsi realmente a Platì per dare finalmente, dopo anni di commissariamento, una amministrazione comunale a questo piccolo simbolico centro. Un segnale importante nella lotta alla ‘ndrangheta. Ricordo – dice ancora Corbelli – che significativamente lo stesso Pd aveva festeggiato, lo scorso anno, la Festa della Repubblica convocando la sua direzione regionale il 2 giugno proprio a Platì”! Corbelli un anno fa aveva inoltre dichiarato che sarebbe grave e assolutamente ingiustificabile adesso se, dopo aver annunciato sulla stampa il loro impegno diretto a Platì, Magorno e i suoi colleghi di partito, così come anche i Verdi che avevano preannunciato la loro partecipazione alle elezioni comunali, non presentassero la loro Lista, con la loro candidatura. In quel caso, in segno di provocazione, non lasceremo certamente sola la gente di Platì.

Il ritiro della Lista del Pd, a poche ore dalla scadenza di presentazione delle candidature, oggi non mi consente purtroppo di avere il tempo di allestire una lista di Diritti Civili e di candidarmi a sindaco di Platì. Quello che è grave è che a Platì nessun partito presenterà una lista. Nemmeno i populisti e giustizialisti, megafono delle Procure e nuovo (orrendo!) partito delle manette”. 

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.