LA STAMPA DI TORINO RIPRENDE IL CASO DEL SINDACO CALABRESE CHE ORDINA AL VIGILE DI MULTARSI DA SOLO

268

Auto davanti al Comune e il sindaco calabrese ordina al vigile: “Multati da solo”

Con questo titolo il giornale La Stampa di Torino riprende la notizia diffusa dal sito internet di Telemia proprio ieri dove si elogiava il sindaco di Locri per aver fatto multare ad un Vigile Urbano la propria auto di servizio in divieto di sosta. Immaginavamo che la notizia avrebbe fatto gola alla stampa nazionale, anche se si tratta di un fato di puro rispetto delle regole, che debbono valere per tutti e per le quali, come dice il Sindaco Calabrese, bisogna dare il buon esempio. Riportiamo per chi non l’avesse letto il pezzo di Pietro Bellantoni de La Stampa di Torino:

Auto davanti al Comune e il sindaco calabrese ordina al vigile: “Multati da solo”

Insolito rigore a Locri. “Parcheggiavano sempre lì, non ne potevo più”. Qualche mese fa una lettera a Gesù per liberare l’amministrazione dai dipendenti assenteisti

«Multa te stesso». Siamo a Locri, culla della Magna Grecia, ma questa non è la parafrasi del noto detto socratico, bensì il nuovo imperativo categorico per tutti quei vigili insensibili alle regole che sono chiamati a far rispettare. Il sindaco Giovanni Calabrese non ha la barba e non «filosofeggia», ma crede nel pragmatismo dell’esempio. Così una mattina di qualche settimana fa ha ordinato a un suo vigile di automultarsi. «Da diversi giorni avevo chiesto agli uomini della polizia municipale di non parcheggiare le auto di servizio davanti al Comune, dove vige il divieto di sosta. Alla fine non ce l’ho fatta più». L’agente è stato quindi costretto a notificare il verbale a due auto dei vigili e a un altro mezzo di servizio. Sì, ma chi paga? «Certo non il Comune», puntualizza Calabrese, secondo cui le multe sarebbero già state saldate dai vigili trasgressori e dal capo dell’Ufficio tecnico (in quest’ultimo caso «ho visto io stesso il bollettino»).

«Non possiamo chiedere ai cittadini di pagare le sanzioni e di attenersi alle regole quando siamo noi i primi a non rispettarle». Potrebbe essere l’aforisma-manifesto del buon amministratore: Calabrese, però, in questo caso l’ha messo in pratica, di sicuro attirandosi anche qualche antipatia aggiuntiva tra il personale del piccolo comune calabrese.

IMG-20160523-WA0005Braccio di ferro  

Il sindaco, da quando è stato eletto, ha infatti ingaggiato un braccio di ferro con molti dei suoi dipendenti, accusati senza mezzi termini di essere assenteisti e pure privilegiati. «Qualche giorno fa – spiega Calabrese – ho ricevuto una lettera protocollata con la quale si chiedevano al Comune 133 euro più interessi legali per un’indennità di tesserino del 1988. Ho risposto che disconosco questo tipo di istituto. La verità è che i dipendenti per anni hanno approfittato di certe situazioni utilizzando il Comune come una specie di bancomat. E questo ha prodotto un contenzioso elevatissimo per l’ente, tra continue richieste di indennità e benefit vari».

 

Lettera a Gesù  

Calabrese non è nuovo a iniziative fuori dagli schemi. Qualche anno fa aveva scritto una “lettera a Gesù” – poi ripresa dai principali quotidiani nazionali – affinché lo aiutasse a eliminare la piaga dell’assenteismo in Comune. «Divinissimo Signore Gesù Cristo – così esordiva -, mi rivolgo a te, in ultima istanza, non sapendo a chi altro rivolgermi». E continuava: «Il più grande problema della città di Locri non è solo la cosiddetta ‘ndrangheta, ma parte dei dipendenti del Comune», quelli che invece di lavorare «stanno a guardare in attesa che arrivi il fatidico “ventisette” per potersi vedere accreditato in banca l’importante, ma non sudato stipendio». Perché Calabrese è così, mischia sacro e profano, tra provocatorie invocazioni divine e inusuali imperativi laici.

IMG-20160523-WA0001

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.