Mer. Feb 24th, 2021

E’ una bufera tinta di giallo quella che nelle ultime ore si è scatenata a Marina di Gioiosa Jonica.
Tutto nasce da una nota, fatta recapitare alla nostra redazione, nella quale si evince che il sindaco Domenico Vestito sarebbe intenzionato a vendere la macchina spazzatrice, la cosiddetta “pulisci strade”, acquistata qualche anno addietro dalla Giunta Femia per un valore che si aggirerebbe intorno a € 100.000,00. Motivo di tale decisione sarebbe da ricercarsi nel costo troppo elevato per il suo mantenimento che non rifletterebbe, d’altro canto, un’altrettanta necessità per la pulizia ed il decoro urbano. Basti pensare che la pulisci strade, secondo quanto indicato dal sindaco nella nota, negli ultimi tre anni sarebbe costata addirittura 3.915,65 euro di manutenzione ordinaria e straordinaria. Somma che naturalmente ha inciso negativamente sulle casse dell’Ente. Denaro che il Comune avrebbe potuto impiegare e indirizzare in settori molto più importanti. Da qui la scelta del sindaco di dare mandato al segretario comunale perché avvi le procedure per la vendita. Diramata la notizia sulla nostra testata, è stata pronta la precisazione dell’Amministrazione Comunale di Marina di Gioiosa Ionica che per mezzo del suo sindaco ha fatto sapere che quanto trapelato sarebbe privo di fondamento. “La notizia secondo la quale l’Amministrazione Comunale di Marina di
Gioiosa Ionica vorrebbe alienare la spazzatrice comunale, acquistata negli anni scorsi con lungimiranza, è destituita di fondamento” scrive, infatti, Vestito che aggiunge, inoltre, come la nota in questione era un atto prettamente interno, indirizzata ai responsabili della manutenzione e finalizzata a stimolare l’utilizzo di questo utilissimo mezzo per il decoro urbano. A suo sostegno, va detto, ci sono i numerosissimi interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria svolti, nonché l’accordo, che si sta per definire, con il Comune di Roccella Ionica per utilizzarla congiuntamente, abbattendo costi e ottimizzando risorse. “La nota, come detto, era un documento interloquotorio tra gli uffici e come tale doveva rimanere. Chi, all’interno dell’Ente, lo ha divulgato ha violato, apertamente, il Codice di Comportamento dei dipendenti del Comune di Marina di Gioiosa Ionica” tuona il primo cittadino, intenzionato ad andare fino in fondo alla questione. L’Amministrazione, infatti, ha già avviato un’indagine interna al fine di indiduare le responsabilità che saranno perseguite a livello disciplinare e, “qualora se ne ravisseranno i presupposti, anche giudiziario”. Tutto chiarito, insomma. La Città del Sorriso continuerà a disporre della sua spazzatrice ed i costi, grazie all’uso congiunto con Roccella, saranno persino abbattuti. Marina di Gioiosa, dunque, può stare tranquilla e… pulita!

ALESSANDRA BEVILACQUA

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.