Serie D: E’ un Roccella “ammazza grandi”

108

A esclusione del Siracusa, le prime della classe si sono inchinate dinanzi ai reggini.

Saranno tante le cose da ricordare, in casa Roccella, alla fine di questo bel torneo di serie D. Domani la truppa jonica chiuderà la stagione in casa con lo Scordia e le motivazioni saranno maggiori da parte degli ospiti, che hanno qualche piccola speranza di agganciare i play out.

Per il Roccella, invece, la salvezza è ormai sicura e il fatto di aver raggiunto l’obiettivo con un certo anticipo rappresenta un risultato di notevole spessore, inimmaginabili la scorsa estate. Eppure con calciatori prelevati da categorie inferiori oppure non considerati da altri, con giovani inesperti, ma affidati alle sapienti mani di Galati e con qualche colpo di mercato a sorpresa da parte del ds Curtale, questo Roccella ha compiuto un capolavoro.

Fra le tante cose che hanno sorpreso, c’è il fatto che Coluccio e soci se la sono giocata alla giocata con le prime della classe. E se si esclude il Siracusa (comunque vincitore con sofferenza nella gara di andata), il Roccella si è tolto lo sfizio di battere cinque delle prime sei del campionato.

La Reggina si è infatti inchinata a Roccella lo scorso 16 settembre per 3-1 (vittoria storica firmata da Dorato con una doppietta e da Criniti). Poche settimane dopo la squadra di Galati ha sbancato il campo del Due Torri (3-1 con due gol di Criniti e un centro di Dorato), Nel ritorno, dopo una crisi spaventosa nella parte finale dell’andata (7 ko di fila e 2 pari in 9 gare) ecco tre colpi di rilevo. A Roccella, lo scorso 2 marzo, si è arresa la Cavese, allora capolista, punita dalle reti di Dorato e Johnson. Un settimana dopo ecco il doppio exploit. Dapprima il successo di Vibo Valentia firmato da Dorato, quindi anche la Frattese ha saggiato la forza e la consistenza del Roccella “ammazza grandi” vincitore per 2-1 con i gol di Laaribi e Cioffi.

Con una vittoria la Frattese sarebbe balzata al comando, ma di fronte ha trovato un Roccella più forte.

L’ottimo lavoro di mister Galati, della squadra ed anche della dirigenza si vede pure da queste cosa, perché il Roccella non ha mai tremato di fronte alle corazzate del campionato.

(fonte Quotidiano del Sud)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.