3 Dicembre 2020

In virtù dello strabico ed elastico metodo investigativo e della prosa avvolgente, vagabonda e puntuale di Walter Pedullà, questo libro, quanto più affonda nelle strutture compositive e nelle tecniche espressive dei maggiori scrittori meridionali del Novecento (Pirandello, Alvaro, Vittorini, Brancati, Rea, Lampedusa, Flaiano, D’Arrigo, Strati, Pizzuto e altri) tanto meglio smaschera inganni e misfatti del Sud, fratello siamese del Nord. Sconfinando con la narrativa nella storia, il saggio introduttivo, ampio come una piccola opera a sé, illustra “la Grande Impostura” montata dalle culture di volta in volta egemoni nel secolo scorso: imbellettandosi e sublimandosi, rendono impensabile un futuro diverso da questo presente definito “irredimibile” da Sciascia. Che, nell’impossibilità di punire il Sistema Sociale, svela la verità occultata da conservatori e da progressisti e condanna i colpevoli che gli vengono a tiro. Pirandello intanto continua a consigliare di “scomporre” Logica e Retorica decrepite, ricordando che l’oro va estratto dal fango; mentre D’Arrigo racconta fin dove si arriva a cavallo del negativo: i barbari siamo noi, dobbiamo combatterli in noi stessi senza moralismi. E i giovani narratori? Ricominciano, se non da zero, da quel poco che insegna la storia recente: il mondo è cambiato dopo Il Gattopardo. La politica da soluzione che era diventa problema (di nuovo i baroni), fa bene la paura: se abbiamo toccato il fondo, si può solo risalire. E Vittorini insiste: attivate la “tensione razionale”, torni l’illuminismo a spegnere l’arcadia nostra contemporanea.

    Sabato 7 maggio 2016, ore 18.30, alla libreria Calliope Mondadori di Siderno (centro commerciale La Gru), Walter Pedullà presenta il suo nuovo saggio “Il mondo visto di sotto – Narratori meridionali del 900”, edito da Rubbettino. Interviene Luigi Franco, direttore editoriale della Rubbettino.

 

Facebook Comments

Di

CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.