PORTO DELLE GRAZIE: TURISMO DI LUSSO ED INQUINAMENTO DI “POVERETTI”

333

Non ci stancheremo mai di evidenziare le potenzialità che la struttura portuale roccellese esprime, ora ancor di più con il nuovo slancio che il giovane amministratore della società concessionaria Giorgio Sotira ha imposto. Una stagione estiva che si prospetta, prenotazioni alla mano, eccellente, anche tenendo conto che si stanno prenotando ora posti barca per settembre-ottobre. Parliamo di imbarcazioni di lusso, spesso in affitto a grossi imprenditori o personaggi famosi, che con tanto di equipaggio, scelgono il porto di Roccella e la locride, come punto di sosta e di soggiorno per le loro lunghe vacanze. Ma con questa eccezionale realtà stride il comportamento del fruitore di prossimità che, con molta noncuranza, continua ad usare la struttura portuale e le zone limitrofe come discarica a cielo aperto. Le foto di immondizia in genere, di bottiglie di plastica, di buste ed avanzi di una giornata passata dietro la canna da pesca fanno da cornice negativa a tutto quello che invece si progetta per il futuro della struttura portuale.   Allora non si può essere legittimati a criticare un disservizio e poi al contempo essere causa o concausa di un altro disservizio.  Gli ospiti di lusso e non solo, apprezzano la nostra accoglienza, decidono di conoscere il meglio che il territorio offre in termini di enogastronomia, bellezze architettoniche e folklore, ma non gradiscono vedere scene di deturpamento ambientale, che oltre a danneggiarci, ci fanno perdere una reputazione costruita con molti sacrifici ed ancora non tanto credibile. Una cosa è certa, con la prossima istallazione delle video-trappole, i colpevoli pagheranno il dovuto per le loro violazioni. Ma rimane comunque un problema di fondo, perché non si rispetta quello che è pubblico come se fosse di tutti? Probabilmente perché lo si considera erroneamente di nessuno!

GIUSEPPE MAZZAFERRO

BARCA LUSSO PORTO

IMG-20160613-WA0007 IMG-20160613-WA0008 IMG-20160613-WA0009

Dopo il nostro articolo pubblicato in data odierna nei tg di Telemia e su questo portale, relativo ad alcuni episodi di inquinamento ambientale provocati da persone poco educate che frequentano le darsene del porto delle Grazie, ci giungono delle giuste precisazioni, che non attenuano la gravità dell’accaduto, ma focalizzano meglio l’attenzione sulla realtà dei fatti. Riportiamo integralmente la missiva giunta in redazione:

A seguito dell’articolo diffuso in data odierna relativo ad alcuni fenomeni di sciatteria nel Porto delle Grazie, il Settore Demanio del Comune di Roccella Ionica e la società Porto delle Grazie S.r.l. (concessionaria delle darsene turistiche e servizi annessi) precisano quanto segue.

Gli episodi anzidetti si sono registrati nella darsena che non viene utilizzata per finalità turistiche e pertanto nella darsena che non è in concessione alla Porto delle Grazie S.r.l., bensì in quella che ospita pescherecci e mezzi navali dello Stato.

Nonostante la costante pulizia dello specchio acqueo, si deve constatare la noncuranza dimostrata da coloro che, dopo aver usufruito della struttura portuale, invece di utilizzare i raccoglitori dei rifiuti differenziati hanno pensato e pensano di poter utilizzare il mare come contenitore della loro immondizia. C’è solo una parola per qualificare questo atteggiamento ed è “inciviltà”.

SPAZZATURA PORTO

Il Comune di Roccella Ionica e la Porto delle Grazie S.r.l. continueranno in ogni caso a ripulire le aree di rispettiva competenza per proseguire nella strada che ha visto – tanto la società concessionaria delle darsene turistiche, quanto il Comune – spendersi per una regolamentazione della viabilità interna che è oggi sempre più apprezzata da tutti i fruitori della struttura portuale, così come per garantire l’accoglienza che la nostra terra sa esprimere a tutti i diportisti che scelgono il Porto delle Grazie come porta d’accesso a Roccella ed a tutta la Locride.

In via di anticipazione è opportuno rendere noto che ci si è già attivati per un servizio di pulizia d’eccellenza rispetto all’ordinaria attività, servizio che sarà teso all’eliminazione dallo specchio acqueo di piccolissime frazioni di materiale. Infatti – sin dallo scorso mercoledì 25 maggio 2016 – la Porto delle Grazie S.r.l. è in attesa di ricevere il preventivo per un sistema brevettato da una società spagnola per introdurre nel porto un innovativo sistema automatizzato di raccolta di tali frazioni.

Queste idee, quest’attenzione all’ambiente e questi sforzi – tuttavia – necessitano di essere condivisi ed incoraggiati da tutti per non essere vanificati da azioni barbare e sconsiderate.

 

 

———————————————-

Porto delle Grazie S.r.l.

C.da Melissari snc, 89047-Roccella Ionica

Tel: +39 0964 85847

www.portodellegrazie.it

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.