5 Dicembre 2020

Pregiudizi secolari gravano sulla Calabria, la regione “più a sud del Sud”, scrive Francesco Bevilacqua in “Lettere Meridiane – Cento libri per conoscere la Calabria” (Rubbettino). Calabria, la malfamata: per via del brigantaggio prima e della criminalità organizzata dopo. Ma anche terra di assistenzialismo, sprechi, arretratezza, sottosviluppo, malgoverno, omertà, indolenza, ignavia. Due scuole di pensiero si affrontano da anni. Da un lato chi considera la Calabria una terra irredimibile, in cui tutto è ’ndrangheta, malaffare, malapolitica e quant’altro. Dall’altro chi considera la Calabria vittima di secoli di malgoverno e propugna, per reazione, una falsa retorica identitaria, rivendicando un autonomismo uguale e contrario a quello leghista. Tra stereotipi e lamentazioni è difficile trovare il bandolo della matassa. Ci prova Francesco Bevilacqua che, dopo anni di studi e di esplorazioni pedestri, ci offre qui una sua originale ipotesi interpretativa sulla Calabria e sui Calabresi e, nello stesso tempo, un catalogo ragionato di cento libri, tra narrativa, storia, geografia, scienze sociali, da leggere o consultare, per cercare di capire davvero perché Calabria e calabresi sono come sono, al di là di ogni stereotipo, di ogni luogo comune, di ogni (auto)rappresentazione mediatica.
Sabato 25 giugno 2016, alle ore 19.00, presso l’ex Convento dei Minimi a Roccella Jonica (RC), il Circolo di lettura dell’A.R.A.S., in collaborazione con il Comune di Roccella Jonica-Assessorato alla Cultura, per i “Caffè artistico-letterari 2016”, presenta il saggio “Lettere Meridiane” di Francesco Bevilacqua, edito da Rubbettino. Sarà presente l’Autore.

Facebook Comments

Di

CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.