Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

“SENTIERI DELLA MEMORIA”: VERSO PIETRA CAPPA PER RICORDARE LE VITTIME INNOCENTI DELLA ‘NDRANGHETA

221

Il 22 Luglio è una data simbolo. E’ la data durante la quale l’Associazione Libera promuove “I sentieri della Memoria” una marcia fino a Pietra Cappa, nel comune di San Luca e nel cuore Aspromontano per ricordare le vittime innocenti della Ndrangheta.

Il sentiero è lo stesso descritto da un pentito che permise di ritrovare proprio su quel monte le spoglie del fotografo di Bovalino Lollò Cartisano, ultimo rapito della calabria e sequestrato proprio il 22 luglio del 1993.

E’ una marcia caratterizzata da volti e consapevolezze, un tributo dedicato a chi continua a vivere nelle azioni e nei propositi di persone per bene e dei tanti che ogni anni affrontano quel sentiero di montagna non solo per ricordare ma anche per mandare un chiaro messaggio ai rapitori: Io non dimentico!

Un popolo senza memoria è un popolo senza futuru. Il sentiero che porta a Pietra Cappa serve per riappropriarci di un Noi collettivo.

Queste, le parole di Don Pino Strangio anche lui in cammino verso il luogo della memoria.

Un “noi collettivo” composto dai tanti occhi affranti, ma determinati, di famigliari e amici che non mancano mai all’appuntamento e che nonostante gli anni raddoppino e la giustizia diventi utopica…continuano la loro missione di padri,madri, mogli e figli nella speranza di una sensibilizzazione utile ai giovani calabresi.

Tutti insieme a condividere il proprio dolore e la propria forza a contribuire in questo impegno che celebra la vita e non la morte, ha voluto precisare Deborah Cartisano, figlia di Lollò e responsabile di Libera nel comprensorio locrideo.

La memoria non va in vacanza e noi pratichiamo la “sacrosanta indignazione” perchè amiamo questa terra quanto i nostri familiari

Il coro che si evince dalle parole del papà di Gianluca Congiusta, dalla mamma di Celestino Maria Fava, dalla moglie di Fortunato Correale e dalla mamma di Massimiliano Carbone che cita Don Luigi Ciotti.

Se guardare al futuro è un diritto, ricordare è un dovere.

INTERVISTE VISIBILI ALL’INTERNO DI TG NEWS

SARA FAZZARI

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.