5 Dicembre 2020

Sandro Principe torna libero. Il Tribunale del Riesame di Catanzaro, accogliendo l’istanza presentata dai legali ha disposto difatti la scarcerazione dell’esponente Pd – che era sottoposto al regime dei domiciliari – per il mancato pericolo di reiterazione del reato. Principe, ex sindaco di Rende nonché Sottosegretario al Lavoro e assessore e consigliere regionale della Calabria, era stato coinvolto nel marzo scorso nell’ambito dell’inchiesta denominata “Sistema Rende” incentrata su presunti intrecci tra esponenti politici e affiliati del clan Lanzino-Rua. Intanto, la Procura – secondo quanto riporta l’agenzia Ansa –  ha già chiuso le indagini formulando nei confronti degli indagati l’ipotesi di reato di concorso esterno in associazione mafiosa, voto di scambio e corruzione aggravata dal metodo mafioso. Oltre a Principe erano finiti agli arresti domiciliari e successivamente erano tornati in libertà, un altro ex sindaco di Rende e due ex assessori comunali, oltre a un ex consigliere regionale. Le indagini condotte dalla Dda avevano delineato quello che gli inquirenti definirono un “intreccio politico-mafioso” che avrebbe consentito a candidati nelle varie tornate per il rinnovo del Consiglio Comunale di Rende (dal 1999 al 2011), per il rinnovo del Consiglio Provinciale del capoluogo nel 2009 e del Consiglio Regionale nel 2010, di ottenere l’appoggio elettorale da parte di “personaggi di rilievo” della cosca e già condannati definitivamente per “associazione mafiosa”, in cambio di “condotte procedimentali amministrative di favore contrarie ai doveri d’ufficio”.

 

MARIA TERESA CRINITI

Facebook Comments

Di

CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.