Teatro Castello di Roccella Jonica: Alessandro Haber in “Haberowski” chiude Tabularasa 2016 giovedì 4 agosto

326

La serata conclusiva di Tabularasa 2016-Il Mondo avrà una location d’eccezione con un protagonista d’eccezione: al Teatro Castello di Roccella Jonica il protagonista assoluto sarà Alessandro Haber in “Haberowski”, data unica per la Calabria. L’appuntamento è per giovedì 4 agosto alle ore 21.30. Haber interpreta, recita, canta, ma soprattutto vive i testi e le poesie originali di Charles Bukowski. Recitazione e amore si fondono in un progetto ad alto impatto emotivo. Un live che arriva dritto al cuore, che fa emozionare, soffrire, sorridere e divertire. Bukowski sotto una nuova luce. La luce di Haber e della sua straordinaria interpretazione.

Per l’ingresso è previsto un contributo di € 12 per sostenere le spese di Tabularasa 2016. Per info telefonare al numero: 39 14 55 76 65.

Alessandro Haber

Attore, regista e cantante. Di padre rumeno e madre italiana, trascorre gran parte della sua infanzia in Israele e all’età di nove anni torna in Italia. È appena ventenne quando recita per la prima volta in un film di Bellocchio, “La Cina è vicina”(1967), a cui seguono piccole parti per conto di numerosi registi importanti, come: i fratelli Taviani, Bernardo Bertolucci e Federico Fellini. La sua, quindi, è una lunga gavetta ma di tutto rispetto, che gli permette di perfezionarsi moltissimo e crescere qualitativamente. Recita per Nanni Moretti in “Sogni d’oro”(1981) con Laura Morante; con Ugo Tognazzi e Philip Noiret in “Amici miei – Atto II”(1982), di Mario Monicelli; partecipa al film esordio di Gabriele Salvatores, “Sogno di una notte d’estate”(1983) e nel 1986 Pupi Avati lo scrittura per “Regalo di Natale”. In quest’ultimo ha finalmente un ruolo da protagonista ed è il suo primo vero successo. Inoltre, il sodalizio con Avati risulta veramente vincente. Il 1986 in generale, cinematograficamente parlando, è davvero un anno fortunato. Compare in: “La donna del traghetto” di Amedeo Fago, “Anche lei fumava il sigaro” di Alessandro di Robilant, “Grandi magazzini” di Castellano Pipolo, “Innocenza” di Villi Hermann e “Com’è dura l’avventura” di Flavio Mogherini. Nel 1989 arriva anche il primo Nastro d’Argento come miglior attore non protagonista per il film, “Willy Signori e vengo da lontano” di Francesco Nuti. Ottiene un altro Nastro d’argento e un David di Donatello come miglior attore non protagonista per il film, “Per amore, solo per amore”(1993) di Giovanni Veronesi. Il 1994, se possibile, è anche più prolifico del 1986. Lavora con Davide Ferrario in “Anime fiammeggianti”; per Giorgio Bellocchio recita in uno degli episodi di “De-generazione”; viene scritturato da Sergio Rubini per “Prestazione straordinaria” e compare nell’esordio di Enzo Monteleone come regista, in “La vera vita di Antonio H.”. Quest’ultimo film costituisce la biografia romanzata dello stesso Haber e per l’interpretazione, a questo punto di se stesso, riceve un Nastro d’Argento 1995 come miglior attore. Gli anni Novanta finiscono e Haber ha collezionato ruoli di ogni genere. È all’inizio degli anni 2000, poi, che esordisce in qualità di regista con “Scacco Pazzo”(2003). Anche la carriera teatrale prosegue senza intoppi recitando in “Orgia”, di Pier Paolo Pasolini, e “Woyzeck” di Büchner. Rivela anche un altro grande talento: scrive e canta canzoni, organizzando concerti insieme a Mimmo Locasciulli. Il singolo che trova il favore del pubblico e della critica è”La valigia dell’attore”, composto per Haber da Francesco De Gregori. Nel 2006 viene scritturato di nuovo da Giuseppe Tornatore per “La sconosciuta” ottenendo un altro Nastro d’Argento 2007 come miglior attore non protagonista e, nel 2011, è diretto da Ermanno Olmi per il film dal cast internazionale, “Il villaggio di cartone”.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.