Gio. Mag 6th, 2021

 Assenti giustificati tra le fila della maggioranza il consigliere, Emanuele Amoruso, mentre per l’opposizione non ha preso parte Salvatore Riccio per motivi professionali.

La seduta si è aperta con il messaggio di cordoglio del presidente del Consiglio, Francesco Matozzo, a nome di tutti, al consigliere Emanuele Amoruso per la perdita del  suo caro papà. Prima di procedere all’unico punto all’ordine del giorno, la consigliera Giusy Altamura, ha posto delle interrogazioni  sulla segnaletica del tratto della E 90, che porta al presidio ospedaliero esprimendo il suo disappunto per il mancato interessamento, considerando che il tema era stato già oggetto del precedente Consiglio e di cui si aspettava l’intervento entro 10 giorni, come aveva risposto l’assessore Daniele Vacca. Ha altresì domandato alla segretaria comunale, Mariagrazia Crapella, l’iter da seguire affinchè un consigliere possa avere accesso agli atti.

Immediata la risposta del sindaco Ernesto Alecci, il quale ha spiegato che gli operai comunali in questi giorni sono stati impegnati per ricoprire tutte le buche della città poiché è cambiata la normativa a cui tutti i Comuni devono adeguarsi. “Inoltre abbiamo ricevuto una nota dalla Polizia in cui si evince la necessità di rifare le strisce nella zona soprattutto del lungomare per delle situazioni di emergenza, come i parcheggi selvaggi. Facendo altresì una corretta segnaletica. I verbali- ha incalzato Alecci- possono essere contestati se non ci adeguiamo alla normativa”. Per quanto riguarda l’interrogazione sugli accessi agli atti, prontamente Alecci ha spiegato che c’è un regolamento vigente a cui si deve far riferimento. “Bisogna in primis presentare una richiesta scritta”. Battibecco successivamente, tra l’ Altamura e l’assessore Vacca.  Sempre in merito all’accesso agli atti, di cui Altamura aveva fatto richiesta e di cui ha potuto visionare solo momentaneamente.

“Ho chiesto io stesso alla segretaria – ha tuonato Vacca-la procedura per l’accesso agli atti. Un consigliere non può prendere posto dietro il PC di un dipendente comunale neanche per scaricare un file. Stante la buona fede, quando Severino fece accesso agli atti per il Waterfront dovette effettuare richiesta formale. Con lei invece, c’è stata una proceduta diversa. Dietro al scrivania dei dipendenti non si è mai visto nessuno neanche della maggioranza, è un questione di rispetto”.

Come paladino della giustizia, cercando di placare la discussione, è intervenuto il vicesindaco Pietro Matacera che si è invece, ritrovato a scontrarsi verbalmente con l’Altamura.

Diplomatico l’intervento di Alecci che ha calmato i toni e la piccola diatriba accesa tra Vacca-Matacera e Altamura, mettendo in evidenza il difficile periodo per la città. “C’è modo e modo di dire le cose. Non si sta insinuando nulla,c’è stato solo un equivoco che ha alzato un polverone. Crediamo  alla sua assoluta buona fede nello scaricare un file dal pc di un dipendente comunale”.

Giulio Moraca, ha affermato rispondendo a Vacca: “Se a Severino si applica una regola non corretta o viceversa, è la regola non corretta che devi correggere”. Ha inoltre posto l’interrogazione sull’area dell’ex Comac. Il sindaco ha invitato tutti a prendere parte alle 19 alla conferenza dove sarà illustrato tutto”.

Il consigliere Francesco Severino invece ha fatto mettere a verbale quanto segue: “Più volte ho ribadito che il presidente del Consiglio comunale non è adatto a coprire detto ruolo in quanto i presidenti di un Consiglio comunale, a tutti i livelli, si sono sempre distinti per essere super partes del civico consesso, così come ampiamente dimostrato dai presidenti del Consiglio comunale che hanno preceduto Francesco Matozzo.”

Ulteriore interrogazione da parte di Moraca sulla Summer Arena, sotto gli occhi del ciclone in questi ultimi giorni a cui Alecci ha risposto: “è una scelta della Commissione di cui non facciamo parte,la politica non è entrata nel merito. Ci sarà un ricorso con una denuncia”

Si è passati poi all’approvazione dell’unico punto all’ordine del giorno ovvero l’approvazione di riequilibrio finanziario pluriennale, rimodulato ai sensi dell’art. 1, comma 714 della L. 28/12/2015 n. 208.

Moraca ha subito palesato le sue perplessità a cui ha risposto il responsabile Paolo Mcarina.   Dopo un confronto, si è passati alla votazione, favorevole la maggioranza, contraria l’opposizione.

Prima di sciogliere la seduta Matozzo ha fatto mettere a verbale, in risposta a Severino: “Il presidente del Consiglio ringrazia la presenza costante nei lavori del Consiglio comunale dei vari consiglieri di minoranza facendo sì che il dibattito all’interno dello stesso sia di un certo livello per discutere delle varie problematiche serie delle città che, altrimenti, soltanto con un numero molto ristretto di consiglieri di minoranza, arriverebbe ad un confronto privo di discussioni, mettendo in risalto futili argomentazioni a discapito del bene della città.”

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.