Gianna Nannini travolge la Summer Arena con il suo Hitstory tour e porta la chitarra battente calabrese nel rock

354

Domani sera appuntamento a Soverato con Salmo e Eman

 

Travolgente come pochi, è stato impossibile rimanere seduti, domenica sera, di fronte al rock di Gianna Nannini. Alla cantante senese è bastato solo qualche cenno rivolto al pubblico che ha affollato la Summer Arena di Soverato, perché tutti accogliessero il suo invito e si fiondassero sotto il palco, con il servizio di sicurezza costretto ad assecondare il volere dell’artista. Fa parte dello show targato Nannini, e il coinvolgimento del pubblico è sempre totale: nelle circa due ore di concerto, Gianna è stata chiamata a gran voce, invocata, seguita nei brani e applaudita come raramente accade negli spettacoli dal vivo. In scaletta da perfetta “hitstory”, la rocker ha selezionato alcuni tra i brani più noti del suo repertorio, da “America” con cui ha aperto l’esibizione a “Possiamo sempre”, “Profumo”, “Ragazzo dell’Europa”, “Hey bionda”, “Fotoromanza”, “I maschi” per citarne qualcuno, e poi ancora “Amandoti”, “Io”, “Bello e impossibile”, “Sei nell’anima”, “Meravigliosa creatura”. Non è mancata qualche cover come “Ciao amore ciao”, “Dio è morto” e “L’immensità”, ma a Soverato c’è stato qualcosa in più: sul palco insieme ai suoi – Davide Tagliapietra e Thomas Festa alle chitarre, Moritz Müller alla batteria, Daniel Weber al basso, Will Medini alla tastiera, le coriste Isabella Casucci e Anna Camporeale e il prestigioso sestetto d’archi Red Rock Strings con Lorenzo Borneo, Roberta Malavolti, Liuba Moraru, Chiara Santarelli al violino, Linda Rusca alla viola e Davide Pilastro al violoncello -, Gianna Nannini ha voluto il calabrese Francesco Loccisano e la sua chitarra battente. «Ho realizzato finalmente il mio sogno – ha detto la cantante -, portare la chitarra battente nel rock. E sappiate che non è finita qui». Loccisano è intervenuto in più occasioni nel corso del concerto, amalgamandosi perfettamente con le sonorità sul palco, lanciando Nannini & Co. in balletti sfrenati simil-tarantelle: «Bisogna dirlo agli americani, la chitarra è stata inventata in Calabria c…!» ha affermato la toscana, rincarando poi la dose: «Una terra così bella non bisogna lasciarsela fottere, capito?».

Perfetta conclusione, quindi, è stata la modifica finale alla canzone “Un’estate italiana”, diventata “un’estate in Calabria”.

 

Soddisfazione è stata espressa per la serata, ma anche per l’intera operazione Summer Arena da Maurizio Senese della Esse Emme Musica, che gestisce e organizza il tutto, e dal sindaco di Soverato Ernesto Alecci, chiamati sul palco prima del concerto dalla presentatrice Rossella Galati: al promoter l’Amministrazione comunale ha consegnato il simbolo della Città, l’ippocampo, in segno di riconoscenza per il coraggio e la professionalità profusi a Soverato.

Per quanto riguarda la Summer Arena, prosegue la programmazione degli spettacoli dal vivo: domani sera, 23 agosto, alle 22.00 a salire sul palco sarà Salmo con il suo Hellvisback tour. Opening act, Eman.

 

Summer Arena 2016

Fedez e J-Ax – 15 luglio

Fiorella Mannoia – 8 agosto

Vinicio Capossela – 18 agosto

Gianna Nannini – 21 agosto

Salmo – 23 agosto

Alborosie – 25 agosto

Per informazioni

Esse Emme Musica di Maurizio Senese

Via San Giorgio 5, 88100 Catanzaro

Tel. 0961.872883

Fax 0961.745672

www.essemmemusica.it

www.summerarena.it

www.ticketservicecalabria.it

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.