GRANDI EVENTI: ROCCELLA, CAULONIA E BIVONGI UNICI RAPPRESENTANTI DELLA LOCRIDE

341

A BIVONGI CONFERENZA STAMPA DI VALENTI E RICCIO

BIVONGI – Ugo Franco – Premiato dalla giunta della Regione Calabria il progetto dell’Amministrazione comunale di Bivongi inerente il bando sui grandi eventi culturali. Il decreto emanato dal dipartimento Turismo e Beni Culturali, ha stabilito di approvare in via definitiva l’elenco dei progetti ammessi con un punteggio che va da 86,50 a 64,50. Bivongi, perciò, entra a pieno titolo e ottiene un contributo di 50mila euro. Soddisfatto il sindaco, Felice Valenti, <<La prima volta che Bivongi entra nell’importante graduatoria regionale dei grandi eventi. Il “Mercato della Badia” è veramente un evento bellissimo legato al passato e alla nostra storia che ci riporta al 1400 quando, i vicini casali di Bingi e Bibungi furono assorbiti da Bivongi e per festeggiare l’evento prese corpo quello che fu battezzato il Mercatu da Batia. Senza presunzione dico che ci troviamo di fronte a uno degli eventi più belli e interessanti della Calabria. Noi avevamo fatto – prosegue Valenti – una richiesta di 100mila euro perché il progetto, anche chi l’ha letto ha capito di trovarsi davanti a un qualcosa d’interessante basato sulla memoria storica, sui beni culturali, sul centro storico, sugli spettacoli veramente seri e il tutto nel rispetto del bando. Un’altra soddisfazione su questo contributo è che finalmente, quest’anno, potrò trascorrere un Ferragosto in tutta tranquillità visto che, gli anni passati, si riusciva a reperire qualche contributo il sedici di agosto e, la sera stessa, bisognava fare le delibere d’urgenza per poter dare corpo al “Mercato della Badia” dei giorni diciassette e diciotto. Siamo già al lavoro con tutte le associazioni che hanno contribuito a elaborare questo progetto per mettere a punto la macchina organizzatrice. Certo – conclude Valenti – bisogna analizzare e stabilire dove tagliare alcune spese perché abbiamo ottenuto metà di quanto previsto con criterio nel progetto che avrà il clou con la festa del vino di giorno tredici, il concerto di Eugenio Bennato il quattordici e il Mercato della Badia il diciassette e diciotto>>.

Guardando la graduatoria allegata al decreto si evince che gli unici progetti a rappresentare la locride sono la proposta di Roccella Jazz 2016, del Mercato storico della Badia di Bivongi e il Kaulonia Tarantella Festival 2016. Altre località della locride sono rimaste fuori per varie motivazioni come, la mancanza della dicitura sulla busta (Mammola); non essere titolato all’azione 3, art. 6 del bando regionale (Monasterace); per un basso punteggio, il Borgo in fiore di Placanica (43,50), la Festa nei vicoli dell’antico casale di Stignano (36,00), il Palio di Ribusa di Stilo (34,00), il Festival dell’accoglienza di Riace (34,00), il Magna Graecia terra di pace e cultura di Locri (29,50) e i Catoja in festa di Benestare (20,50). Da notare che il Borgo incantato di Gerace non è entrato in graduatoria per uno 0,50 visto che il suo punteggio é di 64,00.

Da tante parti, si recrimina e si critica la decisione regionale perché ognuno avrebbe voluto vedere nel decreto il proprio paese. No comment e rispetto per chi è rimasto fuori. Di sicuro, non guasterebbe qualche volta un’analisi approfondita prima di presentare i progetti.

Proprio sul suo progetto si soffermerà, Felice Valenti, nella conferenza stampa indetta per martedì prossimo nella sala “San Nicola” che vedrà la partecipazione del sindaco di Caulonia e le probabili, presenze del presidente della giunta regionale, Mario Oliverio, e del capogruppo del Pd in seno al Consiglio regionale, Sebi Romeo. Nell’occasione, Valenti, proporrà al sindaco di Caulonia e, successivamente, a quello di Placanica e Pazzano, un consorzio per i bandi sui centri storici e i percorsi religiosi. Infatti, oltre ai quattro meravigliosi centri storici, sono di rilevante interesse la presenza del monastero bizantino di San Giovanni Therestìs di Bivongi, unico nel Sud d’Italia custodito dai monaci ortodossi romeni, Santa Domenica di Placanica con Fratel Cosimo che riceve annualmente una miriade di pellegrini, Caulonia con le numerose e interessanti chiese e Pazzano con l’eremo di Montestella. Di sicuro, un consorzio che diventerebbe inossidabile e imbattibile per i prossimi imminenti bandi che saranno posti all’attenzione del presidente Oliverio, sensibile a questo territorio e all’unione d’intenti tra Amministrazioni.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.