NESSUN EPISODIO DI RAZZISMO: PARLANO DUE DIPENDENTI DI AUTOLINEE FEDERICO

737

Non ci stanno gli autisti dell’azienda Federico ad essere tacciati di intolleranza, e giunti stamane nella nostra redazione hanno voluto dire la loro su quello che il giornale online “Ciavula” ha definito episodio di razzismo. Brevissimamente riepiloghiamo quello che è stato riportato: Lunedì scorso alla fermata di Caulonia Marina, intorno alle 13:00, sono stati chiamati dall’autista del pullman i carabinieri  per far scendere una signora di colore , che protestava. Il motivo del contendere ? la  signora con una bambina piccola voleva fermarsi a Riace e l’autista non ha acconsentito alla sua richiesta di fermata straordinaria. Il fatto grave, si legge è che lo stesso rispetto delle regole non era valso  per latri due ragazzi, bianchi, ai quali era stata consentita la fermata straordinaria. Ai nostri microfoni gli autisti, a difesa del loro collega, ribadiscono che non si può parlare di razzismo, è vero dicono che alla signora di colore sia stata negata la fermata straordinaria, ma semplicemente perché la sua richiesta era sulla statale 106 nei pressi della stazione di servizio esso a Riace Marina, zona altamente pericolosa. Tanti ricordano infatti che proprio la, qualche mese fa, una signora è rimasta travolta da un auto proprio mentre scendeva da un pullman. E’ vero anche, continuano, che la fermata straordinaria è stata concessa ai ragazzi, bianchi, ma semplicemente perché si trattava del centro abitato di Riace. la stessa richiesta, affermano di dipendenti della Federico, sarebbe stata acconsentita anche alla signora di colore. In merito ad atteggiamenti razzisti sul pullman, ribadiscono: ci sentiamo addolorati per l’episodio, ma vogliamo precisare che al momento della negazione della fermata da parte dell’autista è stata la donna di colore ad insultarlo tirandogli addosso la macchinetta utilizzata per obliterare i biglietti.

M.T. Criniti

segue VIDEO INTERVISTA

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.