Ven. Mag 7th, 2021

Apertura di anno scolastico in Calabria tra molte polemiche ed incertezze e sempre il solito punto interrogativo perché si agisce in prossimità di apertura anno scolastico e anche nel settore scuola nessuna programmazione? Partiamo da Gerace dove da mercoledì è in corso  una manifestazione organizzata da alcuni genitori in protesta per il presunto-ufficiale trasferimento dei bambini da Gerace-Vene ad Antonimina-Tre Arie, tutto ciò considerando che la distanza di cui si parla è pari a 20 km e quindi circa 40 minuti di macchina da fare tutti i giorni, senza considerare che si tratta di un territorio a grande rischio idrogeologico a cui i bambini sarebbero giornalmente sottoposti. Senza tenere conto, dicono ancora i genitori,  che si tratta di una scuola dell’infanzia, diritto di ogni giovane cittadino, ma soprattutto diritto di ogni genitore “lavoratore” e “non”. Le famiglie di Gerace si sono viste messe con le spalle al muro proprio a Settembre quando a brevissimo ogni scuola riaprirà e si procederà con le lezioni. Stesso discorso a Caulonia per un’altra possibile chiusura di asilo. Scendendo di qualche chilometro andiamo a Locri al Liceo Artistico “Panetta” dove, come accade ogni inizio d’anno scolastico, primo giorno col punto interrogativo per Nicola Romeo, studente disabile per il quale stamattina il padre Cosimo è andato a verificare se la campanella suona  anche per suo figlio. Nicola non può frequentare la scuola perché è disabile. E, come racconta il papà Cosimo, “senza l’assistente per l’autonomia, senza una figura qualificata per l’igiene ed il trasporto scolastico, mio figlio non ha potuto iniziare l’anno scolastico. Allo stato attuale, la scuola garantisce (sulla carta) solo l’insegnante di sostegno”. Ma se almeno in questi comuni la Campanella suona a Roccella Jonica per qualcuno ancora no. Come un fulmine a ciel sereno e come sempre a pochi giorni dall’inizio di anno scolastico si viene a conoscenza  che l’istituto comprensivo non solo posticiperà l’apertura delle sue porte Lunedi 19 settembre, per lavori di ristrutturazione della scuola, ma lo sta facendo in aperta polemica con alcuni genitori, che si son visti spostare i propri figli, fortunatamente transitoriamente, al plesso Carrera. Fin qui tutto ok se non fosse per il fatto che i genitori lamentano la non agibilità di quel plesso immerso da macerie a pochi giorni dall’apertura dell’anno scolastico. E’ agibile il plesso e si riuscirà a rimetterlo in sesto prima di lunedì? Questo il punto di domanda. Sempre a Roccella Jonica Problemi anche per l’Istituto industriale guidato dal dir . Pino Morfea , qua c’erano state 15 preiscrizioni presso l’istituto Nautico, ma al suonare della campanella i ragazzi si son visti inseriti in un’altra sezione dell’istituto industriale in barba alla loro scelta.

Maria Teresa Criniti

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.