CASERMA DEI CARABINIERI A BIVONGI?

288

Ugo Franco – Dopo l’efferato delitto della scorsa settimane, il paese resta blindato per la massiccia presenza delle forze dell’ordine. Pattuglie a tutte le ore che controllano il territorio, accertano automobilisti e anche cittadini sia locali pubblici che per le vie del paese.

Il sindaco di Bivongi, Felice Valenti, per quanto accaduto in paese ha le idee chiare su come intervenire e dice, <<Ho già chiesto un incontro urgente a S.E. il prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, per affrontare la tematica sull’ordine pubblico a Bivongi e le iniziative inerenti al miglioramento della sicurezza dei cittadini>>. Intanto, nasce spontanea nella popolazione la domanda se è giunto il momento di avere, anche, a Bivongi una caserma dei Carabinieri ed è immediata la risposta del sindaco, <<Già nel 1995, quando sono stato sindaco per la prima volta, avevo avanzato la richiesta. La richiederò nuovamente e il Comune è disponibile a mettere a disposizione i locali, a pagare l’energia elettrica e la pulizia dei locali, ciò – continua Valenti – in un’ottica della spending review avviata da Palazzo Chigi. Siamo convinti che la caserma potrebbe essere un deterrente fondamentale anche perché la presenza dei carabinieri offre tranquillità e, poi, i carabinieri della caserma di Stilo hanno un territorio molto vasto da controllare. Cercherò d’insistere su tutti i provvedimenti sia sociali che repressivi e sulla videosorveglianza per tranquillizzare gli animi perché Bivongi, pur non essendo catalogato tra i paesi mafiosi, ha avuto purtroppo negli ultimi trentasette anni ben nove omicidi e vari furti nelle abitazioni dove vive una grande maggioranza di anziani>>. Infine, Valenti, ha desiderato ringraziare il prefetto per <<L’interessamento immediato per la pericolosità in cui versa la staticità del ponte in via del Progresso, scrivendo alla Provincia di Reggio di attivarsi e intervenire subito e inviando anche a noi, per conoscenza, il testo>>.

Il sindaco ha informato, inoltre, dell’esistenza della videosorveglianza della discarica Vina che, già da oggi, sarà ripulita e per chi smaltirà abusivamente ci saranno multe salatissime. Al posto della discarica nascerà l’isola ecologica visto il decreto regionale che ha destinato 70mila euro. Altri 100mila per la tribuna dello stadio e 100mila per il parco sullo Stilaro.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.