DISCARICA DI CASIGNANA: IL TAR DI REGGIO CALABRIA HA ORDINATO LA MESSA IN SICUREZZA E LA BONIFICA DEFINITIVA DEL SITO.

329

È giunto a conclusione il procedimento pendente dinanzi al Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria – Sez. staccata di Reggio Calabria avente ad oggetto la messa in sicurezza e la bonifica della discarica di Casignana.
Il TAR si è espresso sul ricorso proposto nel 2015 dall’Avv. Ferdinando Parisi nell’interesse del Comune di Bianco contro la Regione Calabria ed il Comune di Casignana, ed avente ad oggetto la discarica di Contrada Petrosi che da anni contamina i territori a valle ed il Mare Ionio con lo sversamento di percolato nel torrente Rambotta.
La sentenza, depositata il 05.10.2016 – confermando i provvedimenti cautelari emessi nel corso del giudizio che avevano portato alla messa in sicurezza provvisoria ad opera dei commissari ad acta incaricati dal TAR anche per far fronte ai danni strutturali provocati dagli eventi alluvionali del novembre 2015 – ha dato innanzitutto atto che le opere di messa in sicurezza in via provvisoria ordinate in via cautelare sono state regolarmente eseguite, per come relazionato dai commissari ad acta .
Pronunciandosi definitivamente sul ricorso, ha condannato il Comune di Casignana e la Regione Calabria ad effettuare la messa in sicurezza nonché la bonifica definitiva del sito, secondo le modalità e le tempistiche procedimentali descritte in atti. Infatti, nelle more del giudizio, la Regione Calabria, dopo aver eliminato dal redigendo piano di gestione dei rifiuti la discarica di Casignana, ha redatto progetto di chiusura, messa in sicurezza e bonifica definitiva della discarica, pur lasciando il programma senza copertura finanziaria.
Un tale provvedimento, essendo privo di copertura finanziaria, per come denunciato dall’Avv. Parisi all’ultima udienza svoltasi nel mese di luglio dinanzi al TAR, avrebbe potuto essere disatteso dall’Amministrazione regionale o addirittura revocato, cosa oggi impossibile essendo intervenuta la sentenza del T.A.R. alla quale sia la Regione Calabria, sia il Comune di Casignana dovranno adeguarsi.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.