Eccellenza: Savasta si è ripreso il Siderno

180

Era uno dei più attesi, anche perchè Luca Savasta si valuta e si conta soprattutto per i gol che riesce a segnare. E d’altra parte se una società come il Siderno ingaggia attaccanti di un certo peso, allora è chiaro che si aspetta solo tanti gol. Dopo qualche partita a secco, il centravanti palermitano ha bissato il centro realizzato con la Vigor, aprendo le marcature contro il Sambiase. Per lui il classico gol dell’ex per tornare a sorridere “anche se ho sempre fatto la mia parte, ci sono sempre andato vicino al gol. Alcune volte non sono stato fortunato, ma sono rimasto sereno, consapevole di godere la fiducia dei compagni, del tecnico, della società e dei tifosi”. Si diceva di un Siderno con tre centravanti di spessore. Adesso è rientrato Carbone e lì davanti c’è una bella concorrenza con lo stesso Savasta e Giovinazzo, fra l’altro in cima alla classifica dei marcatori. “Guai se così non fosse. E’ una concorrenza sana e leale fra tre attaccanti che si stimano e si rispettano e che, giustamente, sono tutti vogliosi di giocare e di far bene per il Siderno. Sta a noi dare il messo e mettere mister Laface in difficoltà al momento di fare le sue scelte”.

La formazione jonica conferma si essere una che non molla: con la Vigor vittoria la 94°, con il Sambiase successo in extremis e mercoledì scorso, in coppa, grossa chance per il pari sfiorata nel  finale. “Intanto siamo un grande gruppo e poi abbiamo lo stesso carattere del nostro allenatore. Mai mollare. Io faccio questo sport per mestiere e soprattutto per rispetto della società che mi ha ingaggiato do sempre il massimo, fino all’ultimo. E lo stesso vale per i miei compagni”.

Ma dove può arrivare questo Siderno ? “Noi non abbiamo l’obbligo di vincere il campionato. Siamo una matricola e come tale dobbiamo pensare prima di tutto a mantenere la categoria. Per quanto mi riguarda questo è un torneo molto difficile ed equilibrato. Forse è il più complicato degli ultimi anni. Isola, Vigor e Cittanovese hanno i numeri per giocarsi la promozione e poi ci sono altre squadre di valore, come Acri e Locri, per esempio. Ma io dico che, dopo aver affrontato la Vigor, non mi sento inferiore ad alcuno. Di conseguenza pensiamo prima a salvarci. Poi penseremo a puntare a qualcosa di più sostanzioso, anche per ripagare la società dei sacrifici sostenuti”.

Si chiude, con Luca Savasta, con il gol di domenica. Una bella rete che merita una dedica: “E’ per la mia famiglia e per la mia ragazza, che mi seguono e mi sostengono. Quindi lo dedico a me stesso. Per un attaccante segnare è sempre molto importante”.

(fonte Quotidiano del Sud)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.