Fondazione Armonie d’Arte. Progetto ‘Terre di Scolacium’: presentato al Marca il programma delle attività

293

Protagonisti del mondo della Cultura del territorio per presentare un’attività importante e senza precendenti: al Marca, la Fondazione Armonie d’Arte per bocca del suo presidente Chiara Giordano, insieme al Ministero nella persona del direttore del Parco Scolacium dott.Aversa, al presidente della Provincia Enzo Bruni, al notaio Rocco Guglielmo per l’omonima Fondazione, e Nunzio Belcaro per Ubik, ha dato il via ha un programma denso di attività e di valore per quell’area archeologica di assoluta bellezza e significanza che è Scolacium a Roccelletta di Borgia.

E “Terre di Scolacium ” si chiama l’imponente progetto di valorizzazione del sito e di brandizzazione territoriale che prevede, oltre la consolidata attività estiva di profilo internazionale che è Armonie d’Arte Festival, un piano operativo artistico culturale a tutto campo: dai servizi aggiuntivi per il parco ( ticketing, book shop, caffetteria e ristorazione, visite guidate anche multimediali e progetti ulteriori di virtualizzazione dei contenuti) all’animazione, con reading, performance, stage, laboratori, conferenze, mostre. Tutto in una forte logica consortile con quei soggetti, enti e persone fisiche, che già hanno dato prova concreta di saper esprimere progettualità di profilo alto, comunicazione adeguata, obiettivi di sviluppo territoriale attraverso la Cultura. E proprio sul nuovo sito www.terrediscolacium.com, ricco di immagini suggestive, è possibile trovare davvero un mondo di idee e di iniziative che certamente sapranno fare di Scolacium un autentico polmone culturale, un attrattore di risorse materiali e immateriali, un irradiatore di quella positività e ricchezza spirituale indispensabile sia per la popolazione residente che per l’immagine della Calabria ” fuori della Calabria”, con tutte le evidenti ricadute anche in termini di spendibilità della regione in ogni campo, in primis turistico.

In particolare partono tre sezioni di attività culturali: “UN LIBRAIO A SCOLACIUM ” che prevede un giorno dedicato, il martedi da novembre a marzo, in cui il libraio  Nunzio Belcaro  incontra i lettori per reading e suggerimenti dalle ore 11.30 alle 13.30 e dalle 15 alle 16.30 con partecipazione gratuita.

L’altra sezione è SCOLACIUM D’AUTORE, con “Reading e perfomance” a cura di Armando Vitale, associazione Gutengberg e Ubik Catanzaro e la partecipazione di intellettuali veramente illustri della comunità culturale italiana, e non solo, che scelgono Scolacium per presentare in Calabria i propri ultimi libri e parlare di lettura e temi sociali: Domenico De Masi, Simonetta Agnello Hornby, Elena Stancanelli, Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, Marco Missiroli e Giorgio Fontana. E ancora per la stessa sezione, una particolare attività : “Tales & Food” ovvero visite bizzarre del parco, più di una visita e più di una passeggiata, uno story telling di mitologia, leggende, curiosità, testi classici, interventi musicali, degustazioni su ricettari d’epoca romana e medievale, a cura dell’archeologa Maria Gullì e Mario Maruca in collaborazione con Slow Food e il Conservatorio di musica Vibo Valentia (  sabato 15 ottobre, 15 novembre, 2 dicembre – ore 11 Athena e la cornacchia; sabato 22 ottobre, 12 novembre, 3 dicembre – ore 11 L’immaginario medioevale fra santi, imperatori e bestie magiche;  domenica 16 ottobre, 13 novembre, 4 dicembre – ore 11 I cento volti dell’Eros ). Sempre per SCOLACIUM D’AUTORE lo Stage “Comicità e teatro:dal buffone medioevale al buffone moderno” e, con inaugurazione il 2 dicembre, la straordinaria mostra sulla scrittura asemica in occasione dei 100 anni del dadaismo, dal titolo ” Map of a asemic horizon. Contemporary writings”, esito di una Call internazionale a cura della rivista filosofica UTSANGA.it, con l’adesione di molti artisti di rango nel panorama mondiale delle arti visive, in collaborazione con MIBACT, la  Provincia di Catanzaro, la  Fondazione Rocco Guglielmo, il Museo  MARCA di Catanzaro, ed uno evento in Italia su tema.

Una terza sezione è dedicata ai più giovani, SCOLACIUM YOUNG  ovvero laboratori artistici, storici e di intrattenimento formativo per bambini e ragazzi : ARCHEO ART LAB, azione educativa  attraverso la conoscenza, immaginazione e riproduzione giocosa della natura, della storia, dei miti; ARCHEO SHOW LAB  per liberare la creatività artistica dei ragazzi e realizzare percorsi di teatro e musica, anche performativi, legati alla storia, alla mitologia e alla natura presente al Parco Scolacium; e ancora ARCHEO WINTER LAB  che è un percorso ludico di intrattenimento formativo quotidiano  per i più piccoli, per crescere divertendosi ma anche formandosi a valori fondativi della nostra civiltà occidentale. Infine ARCHEO PARTY LAB, che è davvero una novità assoluta, perchè un luogo speciale fa diventare tutto speciale, e dunque, al parco Scolacium, in questa sorta di ” laboratorio delle feste di compleanno e non solo “, con personale specializzato e dedicato, ogni bambino e ragazzo  potrà diventare protagonista di una storia nuova, unica, fuori dai soliti contesti commerciali, giocando  con tanti personaggi della nostra storia, della mitologia, delle leggende medioevali e del paesaggio naturale da sperimentare, e così un momento di gioia diventa particolare e indimenticabile. Tutto ciò, con evidenza, potrà fornire ai giovanissimi di questa terra maggiore consapevolezza identitaria e diffusa positività. D’altra parte a Scolacium, da novembre, sarà presente anche un’area ludoteca, vicina al book shop e all’area ristoro, per favorire la frequentazione integrata di grandi e piccini. Le attività di SCOLACIUM YOUNG si avvalgono della collaborazione dell’ Ass.Happyland di Maria Macrì e dell’’ Ass. Laboratorio Mediterraneo a cura di Carmela Porco.

Se tutto ciò è poi affincato, come previsto nel piano operativo della Fondazione, da una forte attività di comunicazione generale, nonchè dalla possibilità di attività imprenditoriale di rappresentanza e di cerimonie come il wedding e la congressistica per rendere sostenibili quelle più squisitamente culturali, ed infine da una visione complessiva che prevede moltissime altre sinergie con corposissime attività, alcune altisonanti e che saranno presentate nella seconda parte del periodo autunno – primavera 2016 – 2017 , si comprende facilmente che si tratta di un’operazione davvero di vastissimo respiro, sicuramente di coraggio, e con uno spirito di idealità che può forse definitivamente riscattare la Calabria da meritati ed immeritati giudizi ed esiti.

Per concludere appare foriera di entusiasmo la dichiarazione del presidente della Fondazione Chiara Giordano: << Storia e natura, libri e parole, miti e leggende, musica e colori, impegno e sorrisi, rivelano l’eterno umanesimo di Scolacium, un luogo memorabile che evoca immaginario, provoca risonanze, accende intuizioni, esplode creatività.>> 

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.