Irto ha aperto la seduta di insediamento della Commissione regionale per le pari opportunità di cui Cinzia Nava è la nuova Presidente

274

Cinzia Nava, cinquantenne e commercialista, è la nuova presidente della commissione Pari opportunità della Regione Calabria, in questa avventura sarà affiancata dall’avvocato, vicepresidente, Monica Falcomatà. All’insediamento ufficiale della Commissione ha partecipato anche Nicola Irto che ha augurato buon lavoro alla neo eletta Presidente, “che saprà guidare con autorevolezza la Crpo verso l’obiettivo di un’effettiva partecipazione ai processi decisionali della politica calabrese, per abbattere le barriere fisiche e quelle del pregiudizio. Oggi le pari opportunità non riguardano solo il rapporto uomo-donna ma devono comprendere anche il mondo della disabilità”.

Ai lavori hanno partecipato tutte e tredici le componenti della Commissione Pari opportunità che resterà in carica per l’intera legislatura. Si tratta di: Anna Briante, Irene Vittoria Calabrò, Elena Morano Cinque, Emira Ciodaro, Mihaela Cristescu, Franca Milazzo, Serenella Multari, Nicoletta Perrotti, Lucrezia Elisabetta Domenica Romeo, Silvana Salvaggio e Mariarita Stilo.

La nuova presidente della Commissione regionale per le pari opportunità ha maturato un’esperienza decennale nell’ambito giuridico ed economico, è inoltre molto attiva nel campo dell’associazionismo e del volontariato. Nell’intervenire in aula, Cinzia Nava ha detto: “Sono molto allenata come donna ad abbattere ogni giorno le barriere fisiche che troppo spesso creano disuguaglianza nelle opportunità e nella giustizia sociale (…) siamo tutti disabili, ogni volta che ci vengono negati sogni, diritti e opportunità e che non abbiamo la possibilità di farli valere per quello che siamo e valiamo. Con questa mia nomina, anche la Calabria dimostra che è possibile superare ogni ostacolo anche per il riconoscimento, oltre le forme e le apparenze, del Consiglio regionale della Calabria, al cui presidente, Nicola Irto, rivolgo il mio ringraziamento.”

Nicola Irto ha espresso infine l’auspicio che “la Commissione allarghi il raggio della propria azione, ampliando la competenza ai campi in cui è necessario intervenire per rendere effettivo il principio di eguaglianza sostanziale enunciato nell’articolo 3 della Costituzione. Vorrei che questo organismo unisse all’attività divulgativa e informativa l’esercizio di tutti i compiti che la legge gli attribuisce, realizzando indagini conoscitive sulla condizione della donna e delle categorie svantaggiate in Calabria, fornendo un contributo costruttivo all’iniziativa legislativa regionale e lavorando a quei progetti legati alla promozione dell’occupazione femminile e all’inclusione sociale.”

Carlotta Tomaselli

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.