Lega Pro – Catanzaro da dimenticare in Lucania. Il Matera ne fa quattro

168

Discreto primo tempo, gol discusso a fine frazione, il crollo nella ripresa

MATERA-CATANZARO 4-0 

Marcatori: 45′ Negro, 14’st Iannini, 42’st Sartore, 45’st De Rose

MATERA : Bifulco; Ingrosso, De Franco, Piccinni; Di Lorenzo, Iannini, Armellino, Casoli; Strambelli (35’st De Rose), Louzada (31’st Carretta), Negro (23’st Sartore) A disposizione: D’Egidio. Meola, Papini, Gigli. All. Auteri

CATANZARO : Grandi; Di Bari, Prestia, Patti (15’st Tavares); Esposito, Carcione (35’st Sarao), Roselli, Pasqualoni; Baccolo; Cunzi (28’st Campagna), Giovinco. A disposizione: Leone, Icardi, Moccia, Bensaja, Basrak, Maita, De Lucia, Van Ransbeck All. Somma

Arbitro: Dionisi (L’Aquila) Assistenti: Marinenza e Rotondale

Note: Terreno di gioco in buone condizioni. Una settantina i tifosi ospiti  Ammoniti: Cunzi, Giovinco (C), Strambelli, Armellino, Casoli (M) Angoli: 7-1 Recupero: 0’ pt – 4’ st

Una sconfitta pesante, frutto di un episodio discutibile ma anche di tante ed evidenti disattenzioni difensive: al “XXI Settembre” i giallorossi capitolano per 4-0 interrompendo la striscia di risultati utili consecutivi e tornando a non battere chiodo in avanti. Fase di studio in apertura con le due squadre a giostrare tra centrocampo e trequarti. La prima azione degna di nota arriva al decimo con il destro di Strambelli da fuori area deviato in angolo da Grandi. Sugli sviluppi del corner Ingrosso riesce a spedire alle spalle del portiere giallorosso ma l’arbitro ravvisa un fallo in area e smorza gli entusiasmi. Il possibile vantaggio però scuote i biancazzurri che con l’ispiratissimo Strambelli sfiorano nuovamente la rete: azione in velocità sull’asse di destra, tiro dal limite respinto da Grandi. Con il passare dei minuti la squadra di Auteri conquista il pallino del gioco costringendo le aquile ad agire quasi esclusivamente in ripartenza.

Al quarantesimo impennata di Cunzi: sfruttando una palla malamente persa dal centrocampo materano l’ex Paganese si invola verso la porta liberando un siluro ben piazzato che si spegne sulla traversa. Un minuto dopo, altro spunto in contropiede con Giovinco protagonista: il tiro questa volta è basso e fuori dallo specchio e Bifulco può controllare agevolmente. Sul finire del primo tempo, il guizzo che porta in vantaggio i locali: Iannini taglia dritto per dritto la difesa giallorosa servendo Negro lasciato troppo libero da Esposito; l’attaccante biancazzurro incrocia alla perfezione e buca Grandi. L’episodio che chiude la prima frazione scatena un parapiglia tra le due squadre che si conclude con le ammonizioni di Cunzi e Piccinni: al centro del contendere la discutibile decisione dei materani di sfruttare in ottica offensiva la rimessa laterale concessa dalle aquile per consentire le cure ad un giocatore di casa. Ripresa con gli stessi ventidue dal copione pressoché identico.

Al decimo Cunzi riesce a crossare in area pescando Carcione a due passi da Bifulco: l’acrobazia del centrocampista è imprecisa ed il portiere para. Sul capovolgimento di fronte, occasione per Negro che spedisce clamorosamente fuori su cross di Di Lorenzo. I ritmi si alzano ed implacabile arriva il raddoppio di Iannini: direttamente da fallo laterale Di Lorenzo trova il centrocampista in area, Prestia prova a rincorrerlo ma a tu per tu con Grandi il materano ha vita facile. Il gol spinge Somma a mischiare le carte richiamando Patti, Carcione e Cunzi (autore di una rete annullata per fuorigioco), inserendo Tavares e Sarao Campagna. Nel finale Armellino e Carretta cercano a più riprese il colpo del k.o. ma sono Sartore prima (piattone facile facile su respinta di Grandi) e De Rose poi (su assist di Sartore) a schiantare definitivamente le speranze delle aquile. Altro risultato da dimenticare e nuovo, amarissimo stop.

(fonte CatanzaroInforma.it)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.