Marina di Gioiosa: la diffida del gruppo consiliare “Progetto Paese”

277

Dopo aver atteso invano per 80, 63 e 47 giorni la risposta a tre interrogazioni formulate negli scorsi mesi per avere delucidazioni in merito ad: incendio verificatosi su materiale depositato nel cortile delle Scuole Elementari; incassi e ragioni delle proteste ambulanti in occasioni di recenti feste patronali e stato di aggiornamento ed attuazione Piano Protezione Civile, ieri, come consiglieri del gruppo di opposizione “Progetto Paese”, abbiamo ritenuto opportuno sollecitare con diffida l’Ammnistrazione Comunale di Marina di Gioiosa Jonica a fornire le risposte richieste.
Siamo ben lieti che la compagine che detiene il compito di governare il Comune, giunta a metà mandato, abbia rispolverato dopo lungo tempo la sana abitudine di confrontarsi pubblicamente sui problemi del paese con i cittadini (ogni sabato mattina); siamo convinti che non si tratti di un’operazione opportunistica e di facciata, volta a costituire dinanzi all’opinione pubblica una parvenza di attitudine all’ascolto e confronto, ma un sincero proposito di voler soddisfare un’esigenza vitale per ogni comunità democratica. Tuttavia, proprio perchè crediamo nella genuinità del suddetto proposito, non possiamo non rammaricarci del fatto che proprio i consiglieri comunali, ai quali la legge e i regolamenti affidano il compito formale ed istituzionale di venire a conoscenza di fatti ed intendimenti debbano aspettare mesi per avere risposte ufficiali, complete e pertinenti.
Se la normativa fissa il termine massimo di 30 giorni per dare risposta alle interrogazioni ed alle attività ispettive e di accesso poste in essere da un consigliere comunale è per garantire effettività ed efficacia ad un compito istituzionale imprescindibile. La mancanza di una tempestiva risposta alle interrogazioni consiliari, quindi, è da interpretarsi a tutti gli effetti come una mancata risposta all’intera cittadinanza, poiché l’amministrazione è tenuta a riscontrare tali istanze non solo per piaggeria in vista di una sempre più vicina scadenza di mandato o per mera correttezza istituzionale, ma per chiarire le linee di indirizzo del governo cittadino e permettere ai consiglieri di esercitare così al meglio e con pienezza il mandato consiliare.

Per il gruppo consiliare “Progetto Paese” (Marina di Gioiosa Jonica)
Cons. Pasquale Mesiti

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.