Promozione Girone B – Caulonia, mille problemi da risolvere

289

Ds, allenatore, campo di gioco: tanti i punti interrogativi.

Campionato in salita, quello del Caulonia. Langue la classifica, mentre si sommano i problemi. Dopo Caridi, ha lasciato anche il direttore sportivo Paolo Spadaro. Dimissioni che sarebbero state rifiutate. Inoltre, bisognerà attendere per l’affidamento della formazione a Cosimo Silvano. Il tempo necessario per la formalizzazione. Nel frattempo la squadra rimane affidata a Gianni Macrì. Resta il nodo della “rosa” incompleta e causa il limitato budget messo a disposizione da Paolo Spadaro. Alla riapertura del mercato, comunque si dovrebbero registrare novità, come l’arrivo di Domenico Libri, già Locri, centrocampista, rapido e dai piedi buoni. Manca, però, una spalla ideale per Fabio Scuteri che rimane il terminale solitario in avanti.

Al Caulonia di questa edizione, però, manca l’entusiasmo e l’anima agonistica che lo ha distinto negli ultimi campionati. Certo, la formazione è stata rifondata intorno ai veterani Scuteri, Cavallaro, Calabrese, Martino e sono arrivati elementi di esperienza come Vitetta, Cimino, Cuscunà, Barranca e Schiavello. Forse la carenza che maggiormente si è evidenziata è la condizione atletica, dal momento che la formazione non avrebbe fatto una preparazione appropriata anche a causa della complicata disponibilità del terreno di gioco. Come si ricorderà, l’impianto sportivo di Vasì in atto un cantiere per i lavori di ristrutturazione e rifacimento. Lavori iniziati con rilento e proseguiti a singhiozzo. Quasi completata la posa del manto in erba sintetica, ma manca tutto il resto perché possa ritenersi un calcio di calcio regolamentare. L’amministrazione comunale pare sia addivenuta alla determinazione di rescindere il contratto con la ditta, perché inadempiente. Rescissione che comporterà l’indizione di un nuovo affidamento, sempre che il Comune non decida di completarlo in proprio dal momento che tra i dipendenti figurano le necessarie maestranze.

La squadra di calcio continuerà a disputare le partite ufficiali sul “Ninetto Muscolo” di Roccella Jonica. Resta il problema rettangolo di gioco per gli allenamenti e la disputa delle partitelle infrasettimanali. Infatti, il Caulonia rimane ospite non gradito a casa propria. La struttura di Vasì resta in affidamento alla scuola calcio CSPR94, nonostante la convenzione sia scaduta nel luglio 2014. L’ uso dell’impianto è soggetto agli orari della scuola calcio che usa il campo centrale anche per gli allenamenti, mentre rimane inutilizzato il campetto in terra battuta, Succede anche che il calciatori del Caulonia possano trovare gli spogliatoi chiusi, così come successo mercoledì scorso.

(fonte Quotidiano del Sud)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.