Sporting Locri, gara Arcadia Bisceglie

268

 

Arcadia Bisceglie – Sporting Locri: 2-3 (pt. 1-1)

Marcatori: 10’04 pt Benete (AB), 19’51 pt Giuliano (SL); 11’17 st Borello (SL), 15’35 st Benete (AB), 15,59 st Diodato (SL)

Arcadia Bisceglie: 1)Tempesta 2)Monaco 4)Diana Alves 8)Begona Campana 20)Benete A disposizione: 7)De Bari 10)La Rossa 15)Scommegna 17)Gariuolo 21)Porcelli 22)Martino 11)Soldano  All: Ventura

Sporting Locri: 27)Cacciola 3)Soto 10)Giuliano 7)De La Vega Beita 9)Sabatino A disposizione: 4)Miriam Fernandez 8)Marino 14)Borello 11)Nasso  17)Diodato 22)Sgrò 23)Modestia  All: Sansotta

 

Continua nel migliore dei modi il campionato dello Sporting Locri, che, nella seconda giornata di campionato, si impone, in trasferta, sull’Arcadia Bisceglie. 3-2 il finale a favore delle ragazze di Mister Sansotta, in una gara non semplicissima, visto che le pugliesi erano passate in vantaggio per prime, erigendo poi un muro difensivo a protezione della propria porta. Difesa che alla lunga ha però ceduto alla veemenza degli attacchi amaranto. Come dicevamo, dopo i primi minuti di studio, passa l’Arcadia con la sua atleta migliore, Marina Benete, fortunata a trovare lo spiraglio giusto tra una serie di gambe e battere Martina Cacciola con una conclusione dalla distanza. Lo svantaggio non spaventa però lo Sporting che gioca la prima parte di gara all’attacco, trovando il pareggio solo a 9 secondi dal fischio finale con la solita Roberta Giuliano, come contro il Montesilvano, brava a capitalizzare un lancio in profondità di Soto.

Nella ripresa non cambia il leit motiv della gara; Locri avanti e Arcadia chiuso a riccio dietro cercando di sfruttare la qualità offensiva della Benete. Dopo due conclusioni pericolose della solita Roberta Giuliano, Soto inizia la sua battaglia personale con il portiere avversario Tempesta; si contano almeno 4 conclusioni della spagnola, tutte con poca fortuna. Il forcing delle ragazze di Mister Sansotta si concretizza al minuto 11’17, quando Sara Borello si inventa l’eurogol del vantaggio, che prima elude mezza difesa pugliese con una serie di doppi passi, per poi battere il portiere con un sinistro potente e preciso. La gara però non è finita, e solo l’estro di una brava Benete porta l’Arcadia al pari al minuto 15’35; la spagnola è bravissima ad arpionare un pallone a centro area e a girarlo sotto l’incrocio di un’incolpevele Cacciola. Tutto da rifare, o quasi; perché Roberta Diodato, ci mette solo 14 secondi per portare ancora in vantaggio lo Sporting. La laterale salernitana, infatti, trova il varco giusto e batte per la terza volta tempesta ristabilendo le distanze.

L’Arcadia ora si porta in attacco spinta dalla disperazione, ma non riesce a capitalizzare il giro palla, e solo col portiere di movimento sfiora il pari a 45 secondi dalla sirena. Stavolta Martina Cacciola si supera e, da terra, respinge l’ultima palla buona per le padrone di casa. Il fischio finale sancisce la giusta vittoria dello Sporting Locri che, con un po’ più di precisione sotto porta avrebbe potuto chiudere con un vantaggio più ampio. La classifica sorride allo Sporting, in vetta a pari merito con la corazzata Statte. Domenica arriva a Sant’Andrea il Napoli, lo Sporting in settimana lavorerà sodo per farsi trovare preparato all’importantissimo match.

 

Locri, 03.10.2016                                                                              Ufficio Stampa Sporting Locri

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.