Uccise vigile in Calabria, fermato a Genova armato di pistola

229
Andava in giro per i vicoli di Genova con addosso una pistola Th. Kommer 6.35 con colpo e un coltello a scatto. Per questo ieri sera Salvatore Tafaria, 51 anni, originario di un paesino in provincia di Reggio Calabria, è stato arrestato dai poliziotti del commissariato Centro.
L’uomo nel 1985 aveva sparato e ucciso un vigile urbano a Canolo (Reggio Calabria). Condannato in appello a 24 anni di reclusione, era uscito nel 2006 grazie all’indulto. Ieri sera, in vico Pepe, alla vista dei poliziotti ha provato allontanarsi insieme ad un’altra persona. È stato bloccato mentre tentava di disfarsi della pistola. Addosso aveva anche un coltello a scatto. Nessuna traccia dell’amico, spartito nei vicoli. Le perquisizioni svolte nell’auto, sulla moto e nell’abitazione dell’arrestato, nel quartiere Rivarolo, hanno permesso di rintracciare di sequestrare 2 manganelli telescopici, 20 munizioni nascoste in casa, di cui 17 dello stesso calibro della pistola. In particolare, a 3 delle 17 cartucce era stata forata l’ogiva in modo da accrescerne il potenziale offensivo al momento dell’impatto. Oltre al fermo per i reati di alterazione della matricola e ricettazione, l’uomo è stato denunciato per i reati di detenzione e porto abusivo di armi e porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere. Le indagini dei poliziotti proseguono per cercare di scoprire per quale motivo l’uomo girasse armato.
Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.