GUARDIA DI FINANZA: SCOPERTO PARRUCCHIERE ABUSIVO.

355

Era priva di partita IVA, di autorizzazioni amministrative comunali nonché
igienico-sanitarie ma operava con assiduità in un quartiere centrale di un
Comune cosentino.
La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Cosenza ha smascherato
una persona che “in nero” esercitava l’attività di parrucchiere all’interno di uno
stabile dove, all’atto dell’intervento dei finanzieri, erano presenti anche alcuni
clienti. Il “coiffeur” era munito di sala con postazioni per la realizzazione di
acconciature, poltrone, e altra attrezzatura professionale.
Quello rinvenuto era un vero e proprio locale commerciale dove la clientela, a
prezzi estremamente bassi e altamente concorrenziali, poteva recarsi per il
taglio e la cura dei capelli. La persona è stata segnalata agli uffici comunali
competenti per i provvedimenti di chiusura immediata, in virtù delle violazioni
alle norme previste dalla Legge 17 agosto 2005, n. 174 (Disciplina dell’attività
di acconciatore).
Inoltre verranno applicate le sanzioni di natura amministrativa previste dagli
articoli 2, 3 e 5 della L. 174 del 2005 e, che alla luce dell’articolo 8 della Legge
n. 689 del 1981, potranno arrivare sino ad un massimo di 15.000 euro. A ciò
seguiranno anche approfondimenti di natura fiscale tesi a quantificare gli introiti
che negli anni sono stati sottratti a tassazione.
Questo genere di attività abusive, oltre a configurare un caso concreto di
concorrenza sleale nei confronti degli operatori regolari, rischiano anche di
essere nocive per la salute delle persone perché svolte in locali sconosciuti alle
autorità preposte ai controlli igienico-sanitari.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.