Una faglia sismica attraversa Palmi. Il Piano di Protezione Civile prevede 33 aree di attesa per la popolazione

604

Palmi, poco meno di 20mila abitanti, con un Patrimonio edilizio di oltre 8mila abitazioni in poco meno di 4.900 edifici. Solo il 10% delle case è stato ricostruito dopo il terremoto del 1919, mentre il 25% è stato realizzato abusivamente. La realtà è che probabilmente non sono molti i cittadini a sapere cosa fare in caso di calamità, come comportarsi tra le mura domestiche, per strada e dove recarsi in caso di emergenza.

A Palmi però c’è qualcos’altro che i cittadini non sanno, si tratta dell’ubicazione di 33 aree di attesa in caso di terremoto. In pratica si tratta di zone dove, sempre in caso di emergenza, la cittadinanza dovrà attendere indicazioni dalla Sala Operativa del Centro Operativo Comunale, in carica fino a Giugno, la Polizia locale invece avrà il compito di indirizzare la popolazione verso le aree di attesa.

Palmi si trova su una faglia sismica che si sviluppa dalla Marinella fino a quasi il Centro commerciale “Le Palme”, e attraversa tutto il centro urbano, la faglia è oggetto di studio al Ministero, che per adesso non pone vincoli edilizi ma esige attenzioni.

La città di Palmi si è interrogata sul da farsi in caso di emergenza, visto il periodo critico del centro Italia, e considerando soprattutto che la Calabria è una terra particolarmente sismica, basti pensare al terremoto del 1908,  che causò più di 700 morti solo nella città di Palmi.

Carlotta Tomaselli

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.