Mer. Gen 20th, 2021

Il conto alla rovescia che porta alla notte più festaiola dell’anno è iniziato insieme ai preparativi per accogliere al meglio il  2017. Cibo e brindisi non saranno le uniche priorità perché bisogna salutare l’anno che passa con i classici botti di fine anno. Da quelli colorati a quelli più pericolosi, ce n’è per tutti i gusti ma la parola d’ordine è sempre sicurezza, per un divertimento senza imprevisti.

La normativa sui fuochi d’artificio è molto articolata e la linea da seguire non è quella della repressione tout court ma dell’uso responsabile.

E’ per questo che da mesi le forze dell’ordine effettuano le classiche campagne di sensibilizzazione nelle scuole primarie e secondarie al fine di dimostrare ai più giovani che il divertimento è possibile ma solo dopo alcune accortezze.

Vanno acquistati solo prodotti legali, non artifizi pirotecnici proibiti i quali potrebbero provocare danni anche peggiori determinati da esplosioni di notevole intensità e dannosità, che nel peggiore dei casi potrebbero provocare la perdita totale di arti, udito o della vista.

Bisogna stare attenti ai siti sensibili, come ospedali o luoghi con anziani ma anche luoghi che ospitano molti animali, come aziende agricole o le stalle.

Vanno acquistati solo prodotti legali ed etichettati e vanno rispettati i limiti di età per l’uso di ogni prodotto ed ogni Comune può e deve dare limitazioni all’uso.

L’impegno più grande spetta ai genitori che sono chiamati a vigilare con responsabilità sugli acquisti dei figli e soprattutto monitorare sul corretto utilizzo.

Il trend degli ultimi anni vede una diminuzione degli incidenti connessi all’uso dei prodotti pirotecnici perché gli episodi più gravi sono legati all’utilizzo di materiale illegale, in particolar modo prodotti a scoppio come petardi, quelli venduti a basso costo e senza etichette.

Dunque la sicurezza deve essere la priorità per non trasformare una serata di allegria e da ricordare in un incubo da dimenticare.

 

SARA FAZZARI

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.