Mar. Mag 11th, 2021

Si è tenuto alla Cittadella regionale un incontro tra la Uoa Protezione civile ed i Sindaci dei 12 Comuni calabresi con più di 20.000 abitanti: Acri, Catanzaro, Castrovillari, Corigliano Calabro, Cosenza, Crotone, Gioia Tauro, Lamezia Terme, Reggio Calabria, Rende, Rossano, Vibo Valentia. Il dirigente della Uoa Carlo Tansi, in collaborazione con il Laboratorio di Pianificazione dell’Ambiente e del Territorio (LabPAT) del Dipartimento di Ingegneria Civile dell’Università della Calabria – informa una
nota diffusa dall’ufficio stampa della Giunta – ha deciso di coinvolgere i suddetti Comuni, denominati “Comuni Pilota”, in una sperimentazione operativa che vedrà come obiettivo ultimo l’elaborazione congiunta, nei comuni stessi, dei Piani di Emergenza di Protezione Civile (PEPC) e dei Piani di
Evacuazione. La sperimentazione inizierà – come spiegato durante l’incontro da Tansi e da Mauro Francini, responsabile del LabPAT – con una prima fase detta di “Livello Base” dei PEPC che
prevede l’acquisizione di informazioni essenziali, utili a dare una risposta efficace ed efficiente ad eventuali eventi calamitosi che potrebbero ingenerarsi durante la definizione dei PEPC. “Questa fase del ‘Livello base’ – è scritto nella nota – nelle settimane scorse è già partita anche per tutti gli altri Comuni calabresi. Per i Comuni pilota, il prossimo 21 dicembre, presso il LabPAT dell’UniCal, si terrà un primo incontro tecnico operativo di formazione ai delegati del Sindaci e ai tecnici incaricati dalle Amministrazioni Comunali per la redazione dei PEPC. Un secondo incontro tecnico si terrà giorno 9 gennaio, sempre presso il LabPAT, in cui è prevista la restituzione daparte dei tecnici incaricati delle informazioni codificate di base dei 12 Comuni pilota. Dal 10 gennaio inizierà, da parte del LabPAT, la successiva fase operativa di trasformazione dei dati raccolti in un formato adeguato per essere importato in maniera automatica su una piattaforma GIS appositamente costruita.  L’obiettivo prefissato tra la Uoa, i Sindaci dei comuni pilota ei ricercatori dell’LabPAT è quello di avviare, il 31 gennaio
2017, un portale GIS all’interno del quale siano presenti i dati di base precedentemente raccolti, completi di localizzazione grafica sulla CTR regionale. Concluso il ‘Livello Base’, si darà il via a un ‘Livello Standard’ in cui i Comuni saranno chiamati insieme all’Uoa e al LabPAT a redigere o adeguare i propri PEPC e Piani di evacuazione secondo Linee Guida codificate che permetteranno di omogeneizzare le informazioni di tutti i PEPC della Regione. Questa seconda fase si dovrà concludere entro il
31 dicembre 2017”. “Dopo aver ricevuto in modo informatico tutti i piani dei comuni calabresi – conclude la nota – sarà possibile per tutte le amministrazioni aggiornare le informazioni contenute nei PEPC
in modo on-line. Alla fine della riunione, Tansi ha ribadito che solo tramite la sinergia tra le Amministrazioni comunali, la Protezione civile e il LabPAT sarà possibile raggiungere questi obiettivi che fino a ieri sembravano impossibili”.

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.