Dom. Gen 24th, 2021

Un’altra sconfitta fuori casa per il Cosenza che interrompe la striscia positiva delle due vittorie di fila con Akragas e Messina. Il match allo Zaccheria inizia bene per il Cosenza che passa in vantaggio con un’azione ben congeniata dal duo Ranieri-Statella. Nei minuti finali del primo tempo Loiacono ristabilisce la parità e da lì in poi partita in discesa per il Foggia che vince davanti ai propri tifosi. La partita è importante per entrambe le squadre: da un lato il Foggia ha necessità di vincere per rimanere in corsa per la prima piazza dall’altro, invece, il Cosenza prova a recuperare i 5 punti di distacco dei satanelli nei confronti dei silani. 4-4-2 per il Cosenza con la coppia d’attacco formata da Gambino e Statella mentre il Foggia si schiera con il 4-3-3. A sorpresa dal primo minuto Empereur dato per infortunato sino a qualche giorno fa: tanti gli infortunati in casa Foggia.

CRONACA – Nei primi minuti di gioco il pallino del gioco è in mano al Foggia che si destreggia con un abile possesso del pallone. Il Cosenza, invece, studia l’avversario e si mette in posizione di attesa. Al 4′ Sainz-Maza ci prova da calcio piazzato ma la barriera respinge. Chiricò tenta dalla distanza al minuto 9 ma il portiere rossoblù blocca in due tempi. Rubin calcia con forza al 14′ ma il tiro viene deviato dalla retroguardia silana in corner. Occasionissima del Cosenza al minuto 20 con un calcio piazzato di Capece che serve Blondett: il difensore colpisce la sfera di testa e la palla termina fuori di poco. Il Foggia sfiora il vantaggio con Chiricò al 30′ ma la sfera termina abbondantemente alta rispetto alla porta difesa da Perina. Satanelli ancora pericolosi con Sarno abile nel provare dai 30 metri con una conclusione. Il Cosenza, al primo vero affondo, passa in vantaggio con un tiro al volo di Statella servito dal compagno Ranieri con una precisa palombella: gelato lo Zaccheria; per Statella sesta marcatura stagionale. Reazione di forza del Foggia che tenta da calcio piazzato, con Sarno, di riportare la partita in parità: palla alta. Satanelli che agguantano il pareggio al 44′ dopo un fraseggio di Rubin e Maza finalizzato da Loiacono. Nessun minuto di recupero e squadre negli spogliatoi sul punteggio di parità.

Secondo tempo senza cambi allo Zaccheria. Al 3′ della ripresa Vacca si accentra e lascia partire una conclusione che si spegne al lato. Sarno fa tremare la difesa del Cosenza ma a bloccare la folata del furetto pugliese ci pensa Ranieri che spedisce il pallone in angolo. Al 20′ Gambino incrocia il tiro sul secondo palo ma la sfera termina alta. Lo spagnola Riverola raccoglie una corta respinta della difesa silana e calcia al volo: pallone fuori di poco. Finta del centravanti Sarno che fa fuori Tedeschi e ribalta il match al 23′: esplode lo Zaccheria. Doppio cambio dei silani: entrano Filippini e Baclet ed escono Capece e Gambino. Filippini viene servito dalla destra dal compagno Statella ma il calciatore ex Pordenone non trova la giusta coordinazione e manda il pallone alle stelle: tanto possesso palla per il Foggia che prova a nascondere la sfera al Cosenza. Riverola prova a chiudere il conto della partita al 30′ ma il suo tiro sorvola la traversa. Ultimo cambio del Cosenza al minuto 35: Roselli si gioca la carta Cavallaro al posto di Criaco. Sussulto dei rossoblù con Caccetta che, però, sbaglia tutto mandando al lato il suo tiro. Il Foggia nel finale inserisce la carta Sicurella al posto di Riverola. Il neo entrato chiude i giochi con un diagonale che trafigge Perina: tramortito il Cosenza. Nel finale forcing del Foggia prima con Loiacono e poi con Rubin. Dopo tre minuti di recupero D’Apice fischia la fine e il Cosenza torna in Calabria con zero punti.

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.