Il 21 gennaio a Gioiosa Jonica “Bullismo omofobo contro Monica”

411

IL 21 GENNAIO A GIOIOSA JONICA WORKSHOP PER DISCUTERE D’IMPORTANTI EMERGENZE SOCIALI ALLA PRESENZA DEGLI ALUNNI DELLE SCUOLE SUPERIORI DEL TERRITORIO .
Nella sala del “centro di aggregazione giovanile” Auditorium Comunale di Gioiosa Jonica si parlerà di violenza sulle donne, ma anche dei diritti delle persone Lgbt. L’iniziativa, che nasce nell’ambito della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, era stata inizialmente prevista per giorno 26 novembre e poi rimandata a causa di avverse condizioni meteorologiche. Il Club Unesco, in collaborazione e con il patrocinio dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Salvatore Fuda condiviso dall’assessore alle politiche sociali Laura Crimeni e dell’Assessore alla Cultura Lidia Ritorto, vuole continuare a porre l’attenzione sul tema del femminicidio. L’iniziativa organizzata in collaborazione con le associazioni di promozione sociale “Astarte” di Catanzaro presieduta da Maria Grazia Muri e “Cambi@menti” di Siderno della Presidente Teresa Pellegrino, il tutto coscienti che ci si trova di fronte ad un fenomeno che richiede l’acquisizione di consapevolezza collettiva. Nell’anno appena terminato, purtroppo, si è registrato ancora il dato di una donna uccisa ogni tre giorni da mariti, fidanzati, compagni o altri familiari. Negli ultimi dieci anni le donne uccise in Italia sono state migliaia all’interno della propria famiglia, della quale circa la metà queste all’interno della coppia; oltre duecento per mano di un ex. Lo studio dell’Eures, l’Istituto di ricerche economiche e sociali che da anni dedica al fenomeno un Osservatorio, racconta di una vera e propria strage. Nella prima parte dell’iniziativa (moderata da Vittoria Lagrotteria) alcuni ragazzi degli Istituti presenti (Liceo Scientifico “P.Mazzone” di Gioiosa Jonica; Licei Mazzini di Locri e Istituto Tecnico per il Turismo “Zanotti – Bianco” di Marina di Gioiosa Jonica) proporranno alcuni momenti teatrali di grande effetto emotivo.
Accanto a questa tematica, nel corso del convegno si parlerà anche di diritti e violenze subite dalle persone Lgbt (lesbiche, gay, omosessuali, trans). Partendo da un caso accaduto di recente nella locride. Nel mese scorso una trans ha scritto una lettera nella rubrica di un noto quotidiano calabrese all’attenzione della nota giornalista Annarosa Macrì che l’ha pubblicata (risposta compresa) suscitando una diffusa discussione. Il Club Unesco e la presidenza del Consiglio comunale di Gioiosa Ionica hanno immediatamente offerto la disponibilità ad affrontare la tematica approfittando dell’iniziativa sul femminicidio con la partecipazione di molti alunni degli Istituti superiori della locride. La disponibilità di una serena discussione (che potrebbe apparire scomoda), parte dal fatto che sempre di violenze (fisiche e/o psicologiche) ed emarginazione si tratta, subite dalla trans in questione a causa della propria identità di genere. In particolare, la lettera faceva riferimento a episodi di bullismo omofobico e discriminazione perpetrati da ragazzi di una scuola media della Locride. Ecco perché proveremo a riflettere insieme agli studenti delle scuole del territorio e ai loro docenti, con la presenza della stessa Annarosa Macrì e dell’Assessore regionale alle Politiche Sociali Federica Roccisano che ha aderito all’invito.
L’iniziativa si terrà sabato 21 gennaio 2017 nella sala dell’auditorium comunale di Gioiosa Ionica, con inizio alle ore 9.00.

 

Club per l’UNESCO di Gioiosa Jonica

 

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.