Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

I GIOVANI E LA SOCIETÀ LIQUIDA

247

di Enzo Romeo

Baumann, il sociologo e filosofo polacco scomparso nei giorni scorsi ha coniato la frase “società liquida”.
Una espressione così netta e forte che rende l’idea di cosa  siamo diventati.
Però,  attenzione, non tutto è liquido  o marcio.
C’è una voglia di conoscere e aprire i confini del sapere. Una forte sete di sapere che tocca per fortuna le giovani generazioni.
Sono esse a rappresentare la strada da percorrere. Sono esse a non anteporre la monetizzazione e il profitto rispetto alla conoscenza.
Meno male, visto che i soldi prevalgono come concetto.
Ma Keynes più o meno diceva che le idee sono più forti e vengono prima del denaro.
Sono certo che sua così.
Noi adulti abbiamo un compito: imporre ai nostri giovani di studiare.
È  lo studio, la conoscenza che salva una società.
Chi non studia con forza e profondità è fatto fuori.
Carlo Freccero parla di un rischio di nazismo culturale.
Evitiamolo.

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.