Gio. Gen 21st, 2021

Il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri ha rilasciato una lunga intervista, al microfono di Riccardo Iacona il giornalista autore-conduttore del famoso programma televisivo di Rai Tre, per la trasmissione “Presa Diretta” andata in onda lunedì sera.

Simbolo della giustizia italiana, il magistrato è conosciuto in tutto il mondo per la sua lotta alla ‘ndrangheta; un uomo che da 30 anni vive sotto scorta e che ogni giorno rischia la vita per combattere la piaga della mafia e onorare il suo mandato. Nicola Gratteri, infatti, è per antonomasia l’uomo che con le sue indagini è riuscito a sequestrare tonnellate di cocaina ai cartelli calabresi del narcotraffico e a decimarne le famiglie di élite, nessun altro prima di lui aveva osato tanto o era arrivato a tanto.

Nella prima puntata del 2017  dunque  il procuratore di Catanzaro  ha ripercorso con Iacona alcuni momenti importanti della lotta alla criminalità da lui condotta in anni e anni di magistratura. Ha parlato del mondo della ‘ndrangheta, su cos’è , dove s’insinua, con chi “marcia”, come si combatte e quali siano i suoi livelli di pericolosità.

 

Ha raccontato alcuni passaggi particolarmente significativi sulla sua mancata nomina a ministro, sulle sue proposte di riforma della giustizia e sulla sua attività in Procura a Catanzaro. …«Quando sono arrivato qui , ho trovato una grande difficolta’ la situazione era disastrosa, qui ogni sostituto ha 1100 fascicoli in carico, è evidente il 50% di questi fascicoli morirà in questo ufficio.>>…

Il magistrato ricostruisce le mosse che lo portarono ad un passo dall’assumere l’incarico di ministro della Giustizia del governo guidato da Matteo Renzi, che lo cercò per quel ruolo: «Ero nell’elenco dei 16 ministri, avevo accettato perché mi era stato garantito che avrei avuto carta bianca. Mi è stato detto che Napolitano non ha voluto perché non c’è mai stato un magistrato ministro della Giustizia. Mi sarei anche potuto dimettere in quel momento da magistrato. La verità è che sono troppo indipendente. Mi soffoca l’idea di appartenere a qualcuno. Sono sempre stato troppo indipendente, rivoluzionario».

 

Carmen Fantò

 

 

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.