Serie D – Uno-Due della Palmese, e il Roccella va sempre più giù

345

Le mani della Palmese di Dal Torrione sul derby reggino. Con una condotta molto zingara molto giudizosa e grazie alla briosità di alcuni giocatori neroverdi, bravi nel dettare i tempi del gioco nelle zone nevralgiche del terreno di gioco (su tutti Corso, Bonadio, Crucitti e Lavrendi), gli ospiti, approfittando anche della giornata poco brillante dei padroni di casa, sono riusciti ad accaparrarsi l’intera posta in palio. Tre punti che consentono al team della Piana di compiere un notevole salto in avanti in classifica e allungare decisamente sul gruppo di squadre impelagate nella corsa verso la salvezza.

Discorso diverso, invece, per il Roccella del trainer Galati: perdendo la sua terza partita di fila (la sesta in casa), infatti, la compagine amaranto ha ulteriormente complicato il proprio cammino  di risalita della classifica, rimandendo invischiata nella griglia playout.

Nella gara di ieri, comunque, i padroni di casa, davvero sfortunati quest’anno, hanno pagato le tante assenze, tra infortuni e squalifiche, a cominciare dai due centrali Coluccio e Brunetti, dell’esterno Cordova e dell’attaccante Zampaglione arrivato a Roccella da meno di due settimane e ieri uscito di scena, a causa di un brutto infortunio, dopo meno di un quarto di gioco.

Sin dalle prime battute gli ospiti, schierati  da Dal Torrione con un classico 3-4-3, hanno dimostrato di volersi giocare la gara a viso aperto senza alcun timore revenziale. Dopo un’iniziale fase di studio da parte delle due squadre e alcune conclusioni non particolarmente pericolose di Jean de Arajuo e La Piana da una parte e di Dorato (l’ex di turno insieme a Criniti), sono stati, appunto, gli ospiti a mettere la freccia e a sorpassare i padroni di casa.

A firmare il vantaggio neroverde, al 35′, è stato, con un gran gol, l’esterno destro Bonadio il quale dopo aver fatto fuori un difensore roccellese ha scagliato in diagonale dai 20 metri un tiro di rara bellezza che ha trafitto senza pietà il portiere di casa Mittica. Il gol ha scosso dal torpore i padroni di casa tant’è che il Roccella ha alzato decisamente i ritmi e la linea del gioco riuscendo così nel recupero a rimettere il risultato in parità.

A ristabilire, infatti, l’equilibrio ci ha pensato il solito Momo Laaribi bravo e freddo nel trasformare un calcio di rigore concesso dall’arbitro per via di un netto fallo in area commesso su Khanfri.

La ripresa si è aperta con una occasione per parte: il tiro del roccellese Khanfri ha sorvolato di poco la traversa e la conclusione di testa del palmese Dorato è uscita di poco sopra  l’incrocio del pali. Con la partita bloccata a centrocampo a rimettere tutto in discussione ci ha pensato al minuto numero 55 il portiere di casa, Mittica. Un’ uscita, infatti, completamente sbagliata (pallone sfuggito dalle mani) dell’estremo difensore amaranto ha consentito all’ex Santiago Dorato di appoggiare di testa nella porta sgauarita il pallone del 2-1 ospite.

Nei restanti minuti i padroni di casa hanno cercato, sbagliando però tanto in mezzo al campo e nel fraseggio, di rimettere per la seconda volta in parità il match senza però riuscirci. A parte, infatti, una conclusione di Khanfri ottimamente respinta dal portiere ospite Pellegrino, è stata la Palmese, con Crucitti, Lavrendi e Dorato, a sfiorare in contropiede la terza marcatura.

ROCCELLA-PALMESE 1-2

Marcatori: 35′ Bonadio, 47′ Laaribi (rig.), 55′ Dorato

Roccella: Mittica, Jean de Arajuo, Sorrentino, La Piana, Minici, Librizzi, Zampaglione (15′ Khanfri), Monteiro, Franco, Laaribi, Rodriguez (63′ Santaguida). All.: Galati

Palmese: Pellegrino, Lavilla, Cassaro, Corso, Cinquegrana, Taverniti, Bonadio (75′ Scopelliti), Dorato, Lavrendi, Criniti (76′ Misale). All.: Dal Torrione

Arbitro: Clerico di Torino

Note: Ammoniti: Lavilla, Taverniti, Criniti, Jean de Araujo, Monteiro, Laaribi

(fonte Gazzetta del Sud)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.