Gio. Mag 6th, 2021

La Tenenza della Guardia di Finanza di Tropea, nell’ambito dell’attività istituzionale di
prevenzione e repressione dell’indebita utilizzazione di strumenti di pagamento elettronico,
ha concluso un’articolata indagine nei confronti del titolare di un’agenzia di viaggi, operante
in maniera spregiudicata e responsabile di aver effettuato acquisti di “pacchetti vacanze”
utilizzando fraudolentemente, per il pagamento, numerose carte di credito intestate ad ignari
titolari.
Le indagini sono state avviate in seguito ad una segnalazione, effettuata da una società
finanziaria, che denunciava alle Fiamme Gialle l’indebito utilizzo di una carta di credito
presso una rinomata struttura alberghiera della “Costa degli Dei”. Grazie ai successivi
approfondimenti investigativi, effettuati con il supporto del Nucleo Speciale di Polizia
Valutaria di Roma (che aveva già attenzionato l’autore della truffa) i Finanzieri hanno
scoperto che la transazione segnalata si inquadrava in un complesso meccanismo
fraudolento, in virtù del quale il responsabile della truffa, venuto in possesso dei dati delle
carte di credito intestate a diversi, ignari soggetti, li aveva utilizzati per effettuare
prenotazioni on-line tramite siti web specializzati.
L’autore della truffa, infatti, esperto informatico, era riuscito ad impadronirsi dei numeri e dei
relativi CVV (codici di verifica carta) delle carte di credito di persone, italiane e straniere, alle
quali venivano illecitamente addebitati i costi delle vacanze prenotate dal titolare
dell’agenzia, il quale, dopo avere incamerato in contanti il corrispettivo per l’acquisto dei
pacchetti vacanze da parte dei clienti che realmente fruivano degli stessi, chiudeva il cerchio
della truffa effettuando le prenotazioni ed utilizzando, per il pagamento, gli estremi
identificativi delle carte di credito di cui era venuto in possesso.
I Finanzieri hanno accertato che l’autore della truffa ha indebitamente utilizzato i dati di
diciassette carte di credito per effettuare numerose transazioni, il cui importo è stato
quantificato in oltre 28.000,00 euro, ai danni di diverse strutture alberghiere di lusso operanti
per lo più in Calabria ed in Puglia.
Il soggetto è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria per il reato di indebito utilizzo
di carte di credito.

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.