Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

AFFARI, INDEGNA POLITICA E INDEGNA ‘NDRANGHETA

282

 

Ma perché la politica non può fare a meno della ‘ndrangheta?
L’operazione scattata ieri e che ha portato all’arresto di nove persone, tra le quali l’ex assessore regionale Nazzareno Salerno, conferma che gli intrecci continuano ad esserci e che, evidentemente, ci sono stati sempre.
Salerno, per favorire Calabria Etica, avrebbe imposto ad un dirigente delka Regione di firmare atti, che hanno comportato l’esclusione dalla gestione delle conseguenti procedure per l’erogazione di fondi europei di Fincalabra, la finanziaria della Regione.
Per fare opera di convincimento sarebbero intervenuti due  pregiudicati legati alla cosca Mancuso di Limbadi.
Ora viene facile pensare tante cose. Ma un pensiero arriva e lo esterniamo. La politica in Italia e soprattutto in alcune regioni, lo scrivo con amarezza, andrebbe commissariata. Si prendano i provvedimenti del caso. Ultima operazione a parte, di questa nefasta e schifosa presenza della  ‘ndrangheta ( non la si è  mai voluta sconfiggere,  e non solo per esigenze elettorali) non se ne può più.
Sono ovunque i capi  delle cosche. Dove c’è da mangiare, rubare e sfruttare il sangue di povera gente loro sono li. Massimo guadagno con minimi sforzi. Capitalizzare il tempo e il denaro è il loro motto.
Vogliono stare ovunque. Meno rozzi del passato ma sempre rozzi, si avvalgono di familiari che hanno fatto studiare e che hanno il know-how per  consigliare tecnicamente in diversi campi di azione. Ma quando c’è da convincere qualcuno, carta e penna lasciano il posto ad altri metodi. Ed entrano in campo i manovali, che ricchi, tra l’altro, non diventeranno mai. Sfruttati, in fondo, anche loro.
Ma non giustificabili.

di Enzo Romeo

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.