Gio. Ott 21st, 2021

Sei famiglie “condannate” ad aver paura di morire. Questa è la situazione che si è venuta a creare a Caulonia Marina in un condominio situato nei pressi di via Carafa. Dal 1996 in poi, un po’ alla volta, il terreno ha iniziato a cedere, e in occasione dell’alluvione del 2 novembre 2015, una frana ha colpito la costruzione e causato una serie di crolli che hanno danneggiato la struttura. Dopo lo sfratto di un anno, le famiglie hanno smesso di ricevere il sussidio per l’affitto di altre abitazioni e hanno deciso di tornare nella loro casa. Da allora, quando il cielo si fa grigio, la paura che la pioggia possa causare un’altra frana è tanta. “Le lettere inviate alla prefettura, al genio civile e alla protezione civile sono parecchie- ha detto Giuseppe Cavallo, che si è occupato in prima persona della vicenda – dal 1996 a oggi non è cambiato nulla, la “stupida” burocrazia italiana fa stagnare tutto”. Nonostante il luogo sia stato inserito nella banca dati del ReNDiS, acronimo del progetto Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo non esiste alcun decreto di finanziamento. Rimane quindi tutto fermo, immobile, come in Calabria si è ormai abituati. La signora Mammone, nonna di quattro nipotini che abitano nel condominio a rischio, parla preoccupata della situazione: “Quando piove c’è paura che cada tutto, i bambini vengono a stare a casa mia e i miei figli dormono in macchina”. “Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni, dopo tanti sopralluoghi e fotografie non è stato fatto nulla”. I danni della frana sono evidenti:  un pilastro, ormai piegato dal peso, regge i resti di un muro pronto a schiantarsi contro l’abitazione. Sul retro un piccolo bagno distrutto dalla forza dell’ondata di fango,  attorno alla casa la terra incombe, pronta a scivolare giù da un momento all’altro. “Perché il presidente della regione Calabria Oliverio non è venuto anche qui oltre che andare a vedere il ponte?- ha detto la signora Mammone – perché siamo stati dimenticati?”

DC

 

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.