Comunali: Catanzaro; Cardamone (Fi), Fiorita glissa su Ndc

402

“Il professore Fiorita, che a quanto ci risulta è un iscritto del Pd, ha elegantemente glissato su una questione centrale della politica cittadina, cioè l’accordo tra i dirigenti cosentini del suo partito, in particolare il segretario regionale Magorno, ed il plenipotenziario di Alfano in Calabria, il senatore Tonino Gentile”. Lo sostiene, in una nota, il coordinatore cittadino di Catanzaro di Forza Italia, Ivan Cardamone. “Nella sua partecipata kermesse – aggiunge – non una parola il ‘prof’ ha dedicato all’innaturale matrimonio politico tra il Pd ed i transfughi del centrodestra. Nemmeno una parola sull’annessione compiuta dai seguaci calabresi di Alfano nei confronti del remissivo e sottomesso Pd, costretto addirittura a rinunciare al proprio simbolo, forse per la difficoltà di presentarsi all’elettorato con la propria identità. Delle due l’una: o il professore Fiorita coltiva, in segreto, l’ambizione di essere lui a guidare la coalizione a trazione ‘Nuovo Centro Destra’ e non vuole guastarsela con i suoi potenziali alleati. Oppure, e la cosa sarebbe veramente grave agli occhi dei suoi seguaci, non considera un ‘peccato mortale’ l’abbraccio tra un partito che in teoria dovrebbe guidare il centrosinistra e i gruppi e le persone che fino a poco tempo fa facevano parte del centrodestra”. “Quanto alla sua analisi sul cosiddetto degrado della città – conclude Cardamone – Fiorita chieda informazioni sui danni e sulle scellerate scelte compiute al Comune negli anni di gestione del centrosinistra”.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.