L’ASSOCIAZIONE “SINDROME DI PRADER-WILLI PER LA CALABRIA” AL FIANCO DEL REPARTO PEDIATRIA DI LOCRI

328

E’ di questi giorni la notizia di una probabile chiusura del Reparto Pediatria dell’Ospedale Civile di Locri.

Il motivo è da ricondurre alla carenza di personale medico in servizio, il quale, ad oggi, risulta essere notevolmente ridotto rispetto a quanto previsto dalla norma di riferimento. Disponibili solo tre medici pediatri, spesso costretti a prestare servizio 24 ore su 24, senza sosta e in condizioni tutt’altro che idilliache a causa delle difficoltà nell’assicurare i necessari turni di lavoro.

Una situazione, comunque non proprio attuale, che provoca un misto di emozioni negative, sia per il personale medico e paramedico, il quale vive costantemente e quotidianamente tale stress, con turni infiniti e massacranti, sia per l’enorme bacino di utenze che trova, da sempre, cura e appoggio nel reparto Pediatria, sia ancora per il mondo dell’associazionismo (locrideo e non solo), che proprio con esso ha creato un raccordo e un legame stretto nello svolgimento delle proprie attività con l’obiettivo di raggiungere i propri scopi sociali.

 

È proprio in ragione di ciò che l’Associazione “Sindrome Prader-Willi per la Calabria” vuole oggi esprimere tutta la propria vicinanza al Reparto di Pediatria e ai medici che ivi prestano servizio, i quali grazie alle loro doti (da sempre riconosciute) di professionalità, capacità, gentilezza e totale disponibilità, che da sempre li contraddistingue, sono riusciti a garantire il massimo supporto a pazienti e non solo.

 

Infatti, è proprio grazie alla tenacia e alla bravura del personale medico presente e, in particolare, dell’allora primario, Dr. Francesco Mammì, e delle giovani collaboratrici Rosanna Lia e Mariella Bruzzese, che il Reparto Pediatria, circa tre anni fa, è divenuto il primo ed unico Centro di Cura in Calabria per pazienti con la Sindrome di Prader-Willi, una malattia genetica rara che necessita di un continuo e minuzioso monitoraggio del paziente interessato.

Anche la nostra Regione, quindi, si è dotata di un centro capace di prendersi cura dei nostri figli e, soprattutto, di trovare medici che hanno avuto l’umiltà di mettersi a totale disposizione delle famiglie, scongiurando loro lo stress e il disagio di doversi spostare in altre Regioni d’Italia, anche e soprattutto per ragioni economiche, al fine di garantire le cure necessarie ai propri ragazzi.

 

Ecco perché l’Associazione Sindrome di Prader-Willi per la Calabria chiede, con forza e convinzione, alle Istituzioni competenti di risolvere l’increscioso, quanto gravoso, problema della mancanza di personale medico  nel Reparto Pediatria dell’Ospedale di Locri, scongiurando la sua inevitabile chiusura e il gravissimo disagio che ciò andrebbe a provocare alla cittadinanza e a tutti coloro che di esso avevano fatto un punto di riferimento.

 

ASSOCIAZIONE SINDROME DI PRADER-WILLI

PER LA CALABRIA

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.