Gio. Feb 22nd, 2024

«Gli arresti dei consiglieri della Calabria Nazzareno Salerno e Pasqualino Ruberto, dell’ex dirigente regionale Vincenzo Caserta e di burocrati e imprenditori confermano la debolezza assoluta della politica calabrese e il consueto utilizzo di fondi pubblici a beneficio di consorterie mafiose».

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Lo affermano in una nota i deputati M5s Dalila Nesci e Paolo Parentela, che aggiungono: «La vicenda deve indurre la politica, regionale e nazionale, a una riflessione di profondità sul futuro della Calabria, i cui cittadini sono sempre esclusi da possibilità di affrancamento e crescita, malgrado la disponibilità di risorse. Davanti a questa realtà, drammatica quanto evidente, non è pensabile voltarsi dall’altra parte, cambiare argomento o, come di recente ha fatto il governatore Oliverio, celebrare il nulla cosmico».

«La verità – incalzano i due parlamentari 5 stelle – è che in Calabria il voto è alterato dagli appetiti criminali, che la democrazia è una pura finzione e che il sistema di potere vuole utilizzare la Regione come bancomat permanente, mentre prosegue l’emigrazione, causa di spopolamento e di consolidamento degli attuali rapporti di forza».

«I partiti – concludono Nesci e Parentela – sono latitanti, benché consapevoli di come in Calabria venga prodotto il consenso elettorale, al di fuori della credibilità e moralità dei candidati, di ogni visione del bene comune e di ogni esempio personale. Serve un azzeramento delle dirigenze di partito e dell’amministrazione pubblica, di cui dovranno farsi promotori i vertici romani delle forze politiche, senza più chiacchiere, menzogne e rinvii irresponsabili».

Print Friendly, PDF & Email

Di