Lun. Mag 17th, 2021

“Dopo l’iniziativa di domenica a Locri e il protocollo d’intesa sottoscritto lo scorso anno tra Csm e Miur per promuovere la cultura della legalità e l’impegno antimaa, il prossimo 21 aprile, come Consiglio rinnoviamo il nostro impegno con un segnale concreto di presenza dello Stato sul territorio. Saremo a San Luca (Reggio Calabria), nel luogo simbolo della ‘ndrangheta”. Ad annunciarlo il consigliere del Csm Luca Palamara. “Insieme a numerose autorità del mondo istituzionale, della cultura e dello spettacolo, con il ministero dell’Istruzione, le Pari Opportunità, la Prefettura di Reggio Calabria e la Nazionale Cantanti accenderemo le luci su questo territorio e da qui sul contrasto a tutte le mae”, ha detto Palamara, che introducendo il tema in Plenum, ha espresso indignazione per le scritte apparse sui muri del vescovado di Locri e “la necessità di riettere sui disagi di questa terra”. “Il Csm – ha detto poi il vicepresidente Giovanni Legnini – esprime piena e convinta solidarietà e sostegno a Don Ciotti, a Libera nonché ai magistrati, alle forze dell’ordine e a tutti i cittadini che si battono in Calabria e in Italia contro le mae. E il più fermo sdegno per le gravi scritte apparse sui muri di Locri. Come Consiglio siamo in prima linea per la diffusione della cultura della legalità e nella lotta contro la criminalità organizzata”.

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.