Mer. Mag 12th, 2021

“La partita di Domenico” è tutta per i nero-arancio che ribaltano i pronostici della vigilia La Viola è viva, nonostante tutto con cuore, grinta e tante emozioni. Tra mille problematiche annesse, i nero-arancio, trascinati da una splendida cornice di tifosi reggini(Grande apporto dei Club Figino-Como e Milano nero-arancio) firmano il successo più clamoroso della giornata e vincono al PalaFacchetti di Treviglio contro uno dei team d’alta quota del campionato, la Remer di Adriano Vertemati. Nella gara del ricordo dedicata interamente al giornalista reggini-trevigliese Domenico Durante, i nero-arancio sfoderano la gara perfetta e battono la Remer di Treviglio con il risultato finale di 76 a 84. Chi si aspettava un “cappotto” a favore della Remer Treviglio si è dovuto ampiamente ricredere: la prima da capo allenatore del Coach reggino Domenico Bolignano, subentrato ad Antonio Paternoster esonerato in settimana, è semplicemente perfetta: la Viola gioca con il cuore e resiste alle più disparate problematiche, l’infortunio di Patrick Baldassarre, in panchina insieme ai compagni; le voci che vorrebbero la Viola penalizzata di tre punti per un errore burocratico(la risposta definitiva l’11 Aprile=; ed il ritardo nell’arrivo di Powell, nuovo americano che arriverà a Reggio Calabria martedì. Coach Vertemati sceglie per la sua Remer il quintetto formato da Marino in regia, Cesana e Sollazzo sugli esterni, Sorokas e Nwohuocha sotto canestro; dall’altra parte il neo coach Bolignano schiera in campo Caroti in regia, Voskuil e Gilbert sugli esterni, Fabi e Guariglia sotto canestro. L’inizio è molto equilibrato: la Viola non sbaglia le prime scelte di partita e con dei piazzati di Fabi, Gilbert e Voskuil tiene testa ai locali. Guariglia insacca due centri che valgono il 9 a 14. La gara procede sui binari dell’equilibrio, colpo su colpo con Caroti che dispensa energia e belle giocate. Coach Bolignano manda in scena quintetti “atipici” con il Capitano Fabi costretto, molto spesso, a giocare anche da pivot in marcatura sul totem avversario Lele Rossi. La Viola mantiene un mini vantaggio e si esalta sul finire di secondo periodo con una grandiosa schiacciata di Levan Babilodze. I reggini ci prendono gusto nella terza frazione e riescono a volare sul più dieci prima e sul più dodici successivamente: Rossato è un arma micidiale in difesa ed unisce una fase offensiva notevole, Alan Voskuil diventa chirurgico al tiro da tre. Tutto finito? Assolutamente no. Sollazzo, in un amen, schiaccia per due volte facendo risollevare la Remer. Nonostante un grande Voskuil, Treviglio ha la forza per riemergere. Un parziale di sette a zero(due canestri di Sollazzo e tripla di Totò Genovese) fa tremare la Viola che, con cura e costanza, ed un grande Fabi resiste e vince. Un gran bel segnale ed un piccolo mattoncino per risanare una situazione più che problematica di classifica. I reggini staccano Agropoli, sconfitta a Rieti e viaggiano nel ranking insieme a Scafati vittoriosa in casa con Casale. L’Mvp della gara del Premio Domenico Durante è stato vinto da Riccardo Rossato.   Remer Treviglio 76-84 Viola Reggio Calabria (parziali: 17-19, 31-37, 55-61) Remer Treviglio: Cesana 16, Pecchia 3, Dessì n.e., Sorokas 12, Rota n.e., Marino 5, Marini, Mezzanotte, Genovese 3, Rossi 16, Nwohuocha 2, Sollazzo 19. All. Vertemati Viola Reggio Calabria: Taflaj n.e., Gilbert 8, Caroti 13, Fabi 20, Rossato 16, Guariglia 6, Guaccio, Voskuil 19, Pandolfi n.e., Marulli, Babilodze 2. All. Bolignano Statistiche – Treviglio: 22/43 da 2, 6/27 da 3, 28/70 totale, 14/20 ai liberi; Reggio Calabria: 26/39 da 2, 7/23 da 3, 33/62 totale, 11/18 ai liberi Arbitri dell’incontro: Andrea Bongiorni di Pisa (PI), Marco Marton di Conegliano (TV), Alessio Fabiani di Altopascio (LU)  

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.