Ven. Mag 7th, 2021
Quarta vittoria di fila per il Roccella, che batte il Sersale e continua a sognare

ROCCELLA SERSALE 4-2

MARCATORI: 3′, 81′ Laaribi, 5′ Ficarrotta, 44′ Aprile, 79′ Lenoci, 94′ Santaguida

ROCCELLA: Mittica 5, Cordova 6, Sorrentino 6, De Carlo 6, Minici 5,5, La Piana 5,5, Santaguida 7, Rodriguez 5,5, Franco 5 (51′ Tedesco 5,5), Laaribi 7,5, Ficarrotta 7 (84′ Sendin sv). All. Galati 7

SERSALE: Bambino 6, Sgueglia 5, Paviglianiti 5,5, Scozzafava 6 (73′ Puntoriere sv), Ientile 5,5, Girardi 5,5, Pappalardo 5,5, Aprile 6,5, Bongermino 6, Hespannoleto 5 (49′ Lenoci 6,5), Lucà 5,5 (60′ Esposito 6) . All Venuto 6

ARBITRO: Grasso di Acireale 5

NOTE: 600 tifosi circa. Clima sereno. Premiato Minici per le 100 gare con la maglia del Roccella. Osservato un minuto di silenzio prima del match per la morte del ciclista Michele Scarponi. Ammoniti: Cordova, Santaguida, Ficarrotta, Sgueglia, Paviglianiti, Pappalardo, Lenoci.

Quarta vittoria consecutiva per il Roccella, che sotto i colpi di Laaribi, Ficarrotta e Santaguida nel finale, batte un Sersale in grado di riacciuffare un match che sembrava già chiuso dopo pochissimi minuti.

A salvare il Roccella è stato un calcio di rigore più che provvidenziale, dopo appena 2′ dal paregio di Lenoci, trasformato egregiamente da Laaribi.

I tre punti consentono al Roccella di staccare ulteriormente Sarnese e Castrovillari, sconfitte rispettivamente da Cavese e Igea Virtus, portandosi a sette lunghezze di vantaggio rispetto ai campani e ad otto dai cugini del Pollino.

Tornando al match, Galati si affida nuovamente al 4-3-3, con Laaribi, assente per squalifica nel turno precedente, unica novità rispetto all’undici vincente contro la Cavese. Venuto, dal canto suo, schiera il solito 4-3-1-2, con la novità Lucà avanti al posto di capitan Caturano.

La partenza è bruciante per i giallorossi, che dopo appena 5′ crollano sotto i colpi di Laaribi e Ficarrotta, autori entrambi di due calci piazzati in grado di spostare fin da subito l’equilibrio del match.

La gara, di fatto, parte più che in discesa per Minici e compagni: Ficarrotta, inoltre, mette più di una volta in seria difficoltà sia Paviglianiti che Sgueglia, costretti costantemente al fallo per fermare l’ex giocatore del Noto.

Nonostante una buona occasione sciupata da Rodriguez intorno alla metà della prima frazione, il Roccella comincia a rilassarsi troppo, commettendo errori banali e concedendo sempre più spazi agli avversari, che ne approfittano solamente a pochi minuti dall’intervallo, quando Aprile, dopo un bel traversone tagliato di Paviglianiti dalla sinistra, accorcia le distanze, anticipando Sorrentino e Mittica.

Nella ripresa il ritmo e le emozioni non calano: prima Rodriguez da pochi passi non riesce a trovare lo specchio della porta, dopo una deviazione provvidenziale della difesa giallorossa sul  solito corner a tagliare di Laaribi; poi, dall’altra parte, il Sersale sfiora il gol del pari con una bella punizione di Lenoci, terminata di poco a lato alla destra di Mittica.

Il Roccella, tuttavia, non riesce a trovare gli spunti necessari per chiudere la partita ed è così che i giallorossi, all’ennessimo tentativo, trovano il gol del clamoroso pareggio: Lenoci, dopo un corner allontanato malamente dalla retroguardia roccellese, riesce a beffare Mittica e Minici sul primo palo con un traversone velenoso dalla destra che si insacca in porta davanti allo stupore generale del “Muscolo”, incredulo per l’andamento del match.

Il clamoroso gol del pari, nonostante tutto, non taglia le gambe ai padroni di casa, che al primo accenno, riescono a trovare un penalty molto contestato dagli ospiti grazie ad una bella giocata di Santaguida: dal dischetto Laaribi spiazza Bambino riportando il Roccella in vantaggio.

Gli ultimi minuti sono di sofferenza per gli amaranto, con il Sersale che, prima, recrimina per un calcio di rigore non concesso dal direttore di gara e poi va vicinissimo al 3-3 con un diagonale di Aprile che sfiora il palo alla destra di Mittica.

Con gli ospiti riversati totalmente in attacco alla ricerca del gol, arriva la rete del definitivo 4-2, con Santaguida che in ripartenza non lascia scampo all’estremo difensore giallorosso, chiudendo la pratica.

Quattro gol e quattro vittorie consecutive per il Roccella: un andamento incredibile nelle ultime cinque gare alla pari di Rende e Sicula Leonzio, ora l’obiettivo salvezza diretta non è più un sogno…

Giovanni Lupis

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.